Con la conclusione della Quarta Guerra il mondo dei ninja è in pace e la professioni dei guerrieri silenziosi sta crollando vertiginosamente, quasi al limite dell’inutilità. Una nuova guerra potrebbe favorire la rinascita delle tecniche ninja? E potrebbe accadere presto anche nell’anime?

Naruto, così come narrato da Masashi Kishimoto, non è estraneo al contesto della guerra e dal dolore che ne deriva. Il manga originale ne ha presentate ben quattro, tutte contornate da duelli minori, ma che lo hanno identificato come una delle opere manga più violente e sconvolgenti in ambito di tensioni e crudeltà.

Con la serie di Boruto: Naruto Next Generations, il sequel diretto del franchise di Kishimoto, il mondo ninja vive in una pace gestita e bilanciata dall’unione congiunta delle cinque grandi terre ninja che nel corso dell’ultima guerra hanno unito per la prima volta le forze per contrastare un nemico comune che aveva del formidabile. Tuttavia, siamo sempre in un mondo dei ninja e se regna la pace allora i ninja non avrebbero senso di esistere. La loro professione sarebbe a lungo andare relegata e avviata da una piccola cerchia di guerrieri.

E quindi che sequel sarebbe se non ci fossero scontri politici e fisici? Sebbene in minore intensità, la storia di Boruto è molto più attendibile alla nostra realtà di quanto si possa credere. Difatti si è sempre col piede di guerra, ma l’unione e l’organizzazione congiunta riesce a sedare tali pensieri oscuri che corrono nella mente di chi, principalmente, la guerra l’ha vissuta.

Pertanto, nella nuova serie di Boruto possono esserci i presupposti di una nuova guerra? Sia il manga che l’anime paiono dirigersi verso il positivo, ma sempre con dei freni, talvolta premuti in situazioni forzate.

Recentemente, nella serie animata di Boruto, Mitsuki del Villaggio della Foglia è stato rapito da dei ninja del Villaggio della Roccia (uno dei paesi dell’alleanza ninja) e sempre questi ninja sembrano essere dei cloni generati attraverso esperimenti di tecnologie organiche che non solo non sono riconosciuti dal Villaggio, ma agiscono di soppiatto con tecniche proibite. Il loro obiettivo è proprio Mitsuki dal momento che egli è un clone generato attraverso le tecnologie di Orochimaru e non un vero essere umano.

Per rapire Mitsuki i ninja della Roccia hanno dovuto abbattere le guardie della Foglia e abbindolarne altri con tecniche illusorie al fine di raggiungere i loro scopi. Il piano ha avuto successo, ma non ci è voluto molto prima che Naruto e la squadra investigativa scoprisse il colpevole, appunto il Villaggio della Roccia.

Naruto, pertanto, contatta il leader della Roccia, Kurotsuchi, e le dice che dei ninja della Roccia non solo hanno rapito un ninja della Foglia, ma hanno attaccato soldati di guardia e catturato altri sotto tecniche illusorie. Sarebbe un vero e proprio reato e questo minerebbe la pace e l’equilibro. Potrebbe scatenarsi una guerra, anche perchè la Roccia in passato è stata nemica della Foglia, quindi potrebbe esserci ritorni di rancori.

Kurotsuchi è sorpresa da tale avvenimenti e nel frattempo cerca di proteggere i suoi dichiarando che, magari, le rivelazioni potrebbero essere infondate, soprattutto se dette da superstiti appena ripresi dalle illusioni. Tuttavia, promette all’Hokage che farà di tutto per smascherare i colpevoli e di agire secondo il bene. La comunicazione si conclude con delle espressioni non molto d’intesa tra i due, a sottolineare come ogni Kage, sebbene la pace, deve fare il bene e proteggere il proprio sistema.

Come anticipato, la Roccia è stata un nemico della Foglia, e anche una light novel recentissima ha sottolineato le loro divergenze (sebbene ora siano in alleanza).

Qualche mese fa, in Giappone, è stata pubblicata la light novel focalizzata su Shikamaru Nara. Lo stratega ha lavorato con Naruto per evitare che la Roccia e il suo leader non conquistassero paesi più piccoli, ma alla fine questo era solo un pensiero infondato dal caro Settimo Hokage. Il Daimyo aveva spinto la Tsuchikage Kurotsuchi a fare tale mossa, chiaramente losca. Questo malinteso, tuttavia, ha generato una spaccatura tanto che nella novel si è addirittura parlato di un segnale per una nuova guerra… che l’anime non stia in qualche modo riferendosi a tali avvenimenti per cercare, in qualche modo, di ampliarli nell’attuale arco?

Parlando del manga, invece, una guerra sembra pressoché evidente, ma non vedrà i Villaggi tra le parti. Invece, l’Organizzazione malvagia di nome Kara è in cerca di Kawaki, attualmente ospite del nostro Naruto. Il recente capitolo ha visto il misterioso Kashin Koji entrare a Konoha con l’intento di recuperare il giovane e questo è sicuramente il primo passo verso una nuova devastazione i cui danni e livelli sono ignoti, ma che, come sappiamo, sfoceranno nel cruento duello tra Boruto e lo stesso ribelle ambito dai villain, ossia Kawaki.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui