Un pensiero oggettivo della storica doppiatrice di Goku sul ritorno del cattivo più oscuro della serie, Broly.

Nel corso del panel DRAGON BALL al New York Comic Con tenutosi lo scorso weekend Masako Nozawa, storica voce giapponese di Goku ancora presente nella scena del doppiaggio anime, ha presenziato per promuovere l’uscita nelle sale giapponesi, precisamente il 14 dicembre 2018, di Dragon Ball Super: Broly, il nuovo lungometraggio animato ideato interamente dal genio di Akira Toriyama e con la regia di Tatsuya Nagamine.

Come da titolo e come noto ormai da mesi, il villain principale del manga sarà Broly, il quale è stato completamente reinventato da Akira Toriyama e secondo la sceneggiatura, nonostante le prime tre apparizioni nei film precedenti, la quarta segnerà il primo incontro con Goku e Vegata. Broly, precisamente, è stato pensato come un cattivo più oscuro e più evoluto, ma prima di arrivare a questo traguardo non possiamo di certo dimenticare, come se non fosse mai accaduto, il debutto selvaggio in Dragon Ball Z: Il Super Saiyan della Leggenda (1993).

Detto questo, tornando alla doppiatrice storica di Goku, durante il panel la Nozawa ha parlato del film (senza spoiler) e ha toccato l’argomento Broly dichiarando il proprio pensiero, molto onesto e oggettivo, sul personaggio. Ecco cosa ha avuto da dire Masako Nozawa:

A primo impatto, non esiste neanche un frammento di possibilità per amare questo personaggio. Rappresenta la sintesi di quello che significa essere villain. Ma forse, a pensarci un po’ su, un frammento solo esiste”.

Abbiamo citato Dragon Ball Z: Il Super Saiyan della Leggenda e non è stato un caso. E’ naturale che la Nozawa dichiari tali parole sul personaggio di Broly se consideriamo che il suo unico obiettivo nel film di debutto, e in quelli a venire, era solo la sua vendetta contro Goku, il potere sempre più crescente e la distruzione totale senza un vero e proprio obiettivo molto più grande che lo caratterizzasse come un cattivo di una certa caratura.

Non possedeva una vera e propria personalità, difatti pensando a Broly la prima idea che viene in mente è la sua schiacciante potenza, ma questo, d’altro canto, fa di lui un vero villain senza chance di redenzione.

Tuttavia nel nuovo film Akira Toriyama ha pensato ad una sua versione del personaggio, pertanto possiamo anche sperare ad un villian un po’ meno distruttivo e più ideologico.

Ricordiamo che in Italia il film animato è inedito, ma è stato confermato recentemente che è previsto per 90 paesi, pertanto possiamo aspettarci una release italiana nel corso del 2019.

La premier del film si terrà il 14 novembre 2018 in quel di Tokyo e solo 1000 fortunati potranno visionarla. A dicembre, attraverso la rivista manga Saikyo Jump di Shueisha, sarà pubblicato un manga promozionale dedicato a Dragon Ball Super: Broly. Cliccate qui per scoprire gli ultimi aggiornamenti. In Italia la pellicola è momentaneamente inedita.

Riproponiamo di seguito l’ultimo trailer e la sinossi del film:

Questa è la storia di un nuovo Saiyan.
Dopo gli eventi del Torneo del Potere la Terra sta vivendo un periodo di pace. Realizzato che gli Universi nascondono tantissimi nuovi guerrieri ancora da scoprire, Goku trascorre tutte le sue giornate allenandosi al fine di superare nuove vette e i suoi stessi limiti. Un giorno, quindi, Goku e Vegeta vengono affrontati da un Saiyan chiamato Broly e che non hanno mai visto prima d’ora. La razza Saiyan avrebbe dovuto essersi estinta quasi completamente a causa della distruzione del Pianeta Vegeta per mano di Freezer, pertanto che ci fa questo Saiyan sulla Terra? L’incontro tra i tre Saiyan, che hanno perseguito destini completamente opposti, si trasforma in una battaglia stupenda, con Freezer (resuscitato dall’Inferno) che si unisce alla mischiaDragon Ball Super: Broly presenta il ritorno di un villain di spicco, Broly, il quale ha fatto il suo debutto cinematografico nel 1993 ed è stato reinventato come un cattivo più oscuro e più evoluto. Il film narra una storia originale e sceneggiatura scritta da Akira Toriyama, il creatore di Dragon Ball“.

 Il 20° lungometraggio di Dragon Ball è ispirato al franchise di Akira Toriyama e sarà il primo che confluirà nel circuito della serie “Super”. Akira Toriyama ha pensato al character design e alla sceneggiatura del progetto che verterà sul racconto delle origini della forza dei guerrieri Saiyan.

Akira Toriyama ha realizzato la sceneggiatura e il design dei personaggi. Tatsuya Nagamine (One Piece Film Z) dirige il lungometraggio, Naohiro Shintani è il responsabile regista delle animazioni e Kazuo Ogura è il responsabile e direttore dell’immagine. Norihito Sumitomo compone le musiche, Rumiko Nagai è il color designer, Naotake Oota si occupa degli effetti speciali e Kai Makino è il regista responsabile della computer grafica. Toei Animation distribuisce il film in collaborazione con 20th Century Fox.

Fonte: CB

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui