Mondadori Comics propone l’adattamento a fumetti di uno dei capolavori della letteratura mondiale: Madame Bovary di Gustave Flaubert! Daniel Bardet e Michel Janvier rievocano le atmosfere del grande romanziere francese con stile e classe impeccabili!

La Grande Letteratura a Fumetti propone adattamenti fumettistici di celebri opere letterarie, realizzati da autori di provenienza franco-belga. Con questa sedicesima uscita i lettori avranno modo di scoprire quello incentrato su uno dei capolavori indiscussi della letteratura occidentale: Madame Bovary di Gustave Flaubert. Secondo molti, l’opera è uno dei vertici creativi del romanzo europeo e del romanticismo, benché non siano assenti elementi del naturalismo.

Alla sua uscita il libro ottenne subito un enorme successo ma suscitò parecchio scandalo. Secondo la mentalità dell’epoca, infatti, la protagonista assumeva comportamenti immorali, impensabili per la società borghese. Flaubert, d’altro canto, tramite le vicende di Emma Bovary, intendeva denunciare proprio l’ipocrisia e il falso perbenismo di quella società.

Daniel Bardet si è quindi assunto il compito di raccontarne le vicissitudini in forma fumettistica, rispettando l’atmosfera del libro e le finalità di Flaubert. Abbiamo dunque a che fare con la bellissima Emma, ragazza romantica e sognatrice che desidera una vita felice e appagante. Suggestionata dalle sue letture giovanili, pensa che la felicità possa essere trovata nell’amore e, specificamente, nel matrimonio. Per questa ragione riesce a sposare un vedovo che l’adora e farebbe letteralmente di tutto per lei.

Presto, però, Emma scopre che il matrimonio non le garantisce affatto la felicità. Il marito non è certo un amante ardente e per giunta non ha la benché minima ambizione. Lei, invece, vuole elevarsi socialmente e soddisfare le sue passioni. In principio cerca di ignorare l’insoddisfazione ma ciò le provoca una profonda depressione. Per una serie di circostanze, incomincia allora a frequentare un altro uomo e in seguito ha una relazione con lui.

Ma questo è solo l’inizio di una serie di rapporti extraconiugali che si riveleranno, però, sempre fallimentari. I suoi amanti sono gretti e meschini e per giunta la frequentazione di un losco commerciante senza scrupoli la spinge a compiere operazioni economiche azzardate. E la tragedia sarà dietro l’angolo. Bardet scrive testi e dialoghi curati ed efficaci e riesce a descrivere con profondità la psicologia di una donna dal carattere complesso e sfaccettato.

Il risultato è di buon livello e la lettura del volume risulta coinvolgente e piacevole. I disegni sono di Michel Janvier (con alcuni contributi di Yolaine Vallet) che ha uno stile essenziale, fluido, elegante. Nelle sue tavole non c’è particolare inventiva ma il tratto è adatto a una storia ambientata in un contesto naturalistico e quotidiano. Sono da tenere d’occhio i primi piani che evocano lo stato d’animo tormentato di Emma e i colori di Stéphane Bein, tenui e delicati, che si sposano perfettamente con la levità e la raffinatezza delle matite di Janvier.

In definitiva, questa versione a fumetti di Madame Bovary è da tenere d’occhio e potrà piacere agli estimatori del fumetto di area bd e delle ambientazioni d’epoca.

 

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui