Cory Barlog (God of War) parla di un videogioco su Superman

Pubblicato il 2 Settembre 2018 alle 17:30

Cory Barlog, direttore di God of War, durante un panel che ha avuto luogo al PAX West ha condiviso con il pubblico alcune sue idee riguardo un nuovo gioco su Superman, per il quale avrebbe tratto ispirazione, fra le altre cose, da Smallville e dalla saga videoludica di Persona.

Al PAX West è stato ospitato un panel intitolato “The Quest for the Perfect Superman Game”, al quale hanno preso parte anche Jared Petty, Greg Miller, Kat Bailey, Gary Whitta, Sydnee Goodmane e Cory Barlog. Materia di discussione è stata la storia dei videogiochi basati sul celeberrimo eroe DC Comics e su ciò che sarebbe necessario per creare il gioco perfetto. Finora, i videogiochi che vedono come protagonista Superman non hanno avuto lo stesso successo di altri videogames basati sui supereroi, ma teniamo a sottolineare che la discussione avvenuta durante il PAX West è stata puramente teorica, e non significa, dunque, che si stia già lavorando per la realizzazione di un videogioco su Superman.

In questa sede, Barlog ha condiviso le sue idee a riguardo, che inizialmente ha scherzato sulla possibilità di creare un gioco in cui Superman ha un figlio e deve capire come insegnargli ad adattarsi a questa sua condizione, un chiarissimo riferimento proprio alla sua ultima fatica, ovvero il gioco di più recente pubblicazione della saga di God of War. Parlando invece più seriamente, l’autore ha dichiarato che per un gioco del genere trarrebbe ispirazione principalmente dalla serie televisiva Smallville e dalla saga videoludica di Persona.

In questo videogioco, per ora, ribadiamo, del tutto teorico, i giocatori controllerebbero dunque un giovane Clark Kent, proprio come nella serie TV Smallville, e man mano che la sua storia si svilupperebbe, Kent imparerebbe come usare i suoi poteri sovrannaturali, dovendo così metterle in relazione alla vita di un semplice adolescente. Barlog ha dichiarato che nel gioco gli utenti dovrebbero, ad esempio, svolgere dei compiti in classe e destreggiarsi fra le dinamiche della vita di uno studente delle scuole superiori mentre è anche, al contempo, un giovane supereroe, aggiungendo che una struttura simile, però, renderebbe il gioco troppo simile ai videogiochi della serie Persona, per cui probabilmente non prenderebbe proprio questa strada.

Così, ha condiviso altre idee a riguardo, come la possibilità di impersonare una versione di Superman in cui l’eroe dovrebbe realizzare che non è in grado di aiutare tutti, aggiungendo che i giocatori inizierebbero ad ascoltare la gente comune che chiede aiuto, ma su piccola scala, anche se nessuno di loro saprebbe chi è in realtà Superman. Man mano che Clark Kent aiuterebbe le persone e, dunque, diventerebbe più conosciuto, le grida di aiuto generiche diverrebbero delle vere e proprie invocazioni per ricevere nello specifico proprio l’aiuto del misterioso supereroe. A questo punto, ci si dovrebbe destreggiare fra tutte queste richieste di aiuto, realizzando infine che non è possibile aiutare proprio tutti, il che avrebbe anche delle conseguenze in game. Così, Superman vivrebbe il conflitto interiore derivante proprio da questa nuova consapevolezza, cercando comunque un modo per non abbandonare nessuno al suo destino.

Cory Barlog ha infine aggiunto che un simile videogioco potrebbe essere realizzato da Ninja Theory, che in passato ha creato titoli come il controverso DmC: Devil May Cry e l’angosciante Hellblade: Senua’s Sacrifice.

Fonte: CB, GI.

Articoli Correlati

Matt Reeves ha condiviso sui social uno scatto inedito del film The Batman, in attesa del nuovo trailer che uscirà Sabato 16...

14/10/2021 •

20:40

L’atteso film The Batman di Matt Reeves con Robert Pattinson nei panni di un giovane Cavaliere Oscuro uscirà nei cinema il...

14/10/2021 •

16:08

One Piece torna su Italia 2 con gli episodi inediti della Saga di Punk Hazard in prima visione tv doppiata. Come vi abbiamo...

14/10/2021 •

15:51