One Piece: muore un importante alleato

0
In One Piece la morte dei personaggi è un evento piuttosto raro, e per questo i suoi fan raramente si aspettano una simile eventualità. Tuttavia, alcuni personaggi del calibro di Portgas D. Ace hanno già perso la vita per un fine più alto, e in questa triste, ma necessaria sorte si è unito a lui un altro personaggio nell’ultimo episodio dell’anime di One Piece, di cui potrete trovare qui la nostra dettagliata recensione.

Il coloratissimo mondo di One Piece si è tinto ancora una volta di nero nell’ultimo episodio della serie anime basata sul celeberrimo manga creato dalla fantasiosa mente del Maestro Eiichiro Oda.

ATTENZIONE: seguiranno una serie di importanti spoiler sull’episodio 849 di One Piece!

In uno scenario a dir poco infausto, i nostri si ritrovano completamente circondati dalle forze nemiche: da una parte, Big Mom, ancora in preda alla sua crisi alimentare, da un altro Perospero, sulla Thousand Sunny c’è Katakuri e dal mare stanno arrivando alcune Tarte. Come se tutto questo non bastasse, poi, Perospero ha imprigionato la nave dei Cappello di Paglia nella sua caramella, impedendo l’uso del Coup de Burst:

L’unico fatto positivo è che ormai sono tutti a bordo, per cui non resta che scappare. Beh, tutti tranne Pedro. Sarà proprio in questa circostanza così drammatica che l’ex capitano dei Pirati Nox deciderà, con estrema lucidità, di sacrificare la sua vita per salvare Rufy e gli altri, perché fermamente convinto da una sorta di premonizione ricevuta quando era ancora un bambino da Gol D. Roger che il ruolo dei Mugiwara sarà determinante nel cambiare il corso della storia, e che la ciurma darà vita a una nuova era di luce, alla quale la notte (“Nox”, per l’appunto) in cui è confinata l’esistenza di Pedro si contrappone, ma che al contempo completa.

La notte, infatti, non è solo l’assenza di luce, ma, per Pedro, è principalmente ciò che precede l’alba, una occasione di rinascita e una occasione per poter lasciare il proprio segno e fare in modo che l’alba possa infine giungere. Del resto, il Re Dei Pirati gli disse di aspettare non pazienza il suo momento, perché all’epoca era ancora troppo giovane e non era preparato a prendere il mare. Purtroppo per il nostro, Pedro, il suo momento è dovuto coincidere con la sua morte.

Pedro affronta la morte con indomito coraggio perché animato da un ideale, come lo erano Ace e lo sono i Mugiwara. Colpisce il fatto, poi, che chiunque conosca Rufy si convinca che quel ragazzino scapestrato prima o poi diventerà davvero il nuovo Re dei Pirati, e questo accade in special modo a chi ha conosciuto anche Gol D. Roger, che rivede in Rufy l’atteggiamento e il carattere del Capitano della Oro Jackson.

Questo accade anche a Pedro, ed è solo un motivo in più che lo spinge a credere che sta facendo la cosa giusta per il mondo intero. Per questo, Pedro è sempre lucido, non perde mai la calma e affronta la sua morte con orgoglio: perché sta compiendo un atto miracoloso che cambierà il corso della storia. Pedro viene mostrato anche un attimo prima di accendere le micce degli esplosivi che porta legati al suo corpo, mentre dà un ultimo, pacato tiro alla sua sigaretta:

Grazie a questo suo eroico gesto, Pedro è riuscito a far esplodere la caramella che imprigionava la Thoussand Sunny, concedendo alla ciurma di Rufy una preziosissima occasione per fuggire. Ma non sarà facile superare questa perdita, non soltanto per Carrot, ma anche per i nostri eroi, i quali si erano ormai molto affezionati al loro nuovo, anche se provvisorio, compagno di viaggio e di avventure. Anche Pedro, come Shanks, Ace e tanti altri prima di lui, ha sacrificato la propria vita (o una parte del suo corpo) per salvare Mugiwara, perché ha in comune con questi personaggi la ferma certezza che per Rufy il destino ha in serbo un posto e un ruolo speciali, e che per questo il ragazzo con il cappello di paglia deve vivere.

Perfino l’attaccamento alla vita di Pedro anche dopo che Biug Mom lo aveva privato di ben 50 anni da vivere è in qualche modo legato a Rufy: Pedro deve fare qualcosa di importante, glielo aveva detto Gol D. Roger, perciò, finché non sarà giunto quel momento, vuole vivere.

One Piece è un manga creato da Eiichiro Oda e la cui serializzazione è iniziata nel 1997 sulla rivista Weekly Shonen Jump, del gruppo Shueisha. La storia è racchiusa in 87 volumi e si tratta di un successo critico e commerciale, al punto che molti dei volumi che compongono la collezione completata hanno infranto i precedenti record che riguardano il numero di copie stampate, in Giappone. Inoltre, One Piece si è guadagnato un posto anche nel Guinness World Record per il maggior numero di copie pubblicate per la stessa serie di fumetti da un singolo autore, ed è anche il manga più venduto al mondo, con oltre 430 milioni di copie vendute.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui