Arriva l’adattamento a fumetti di Zanna Bianca, uno dei romanzi più famosi e amati di Jack London! Caterina Mognato ci narra le vicende coinvolgenti di un lupo alle prese con gli uomini, assistita dall’estro grafico di Walter Venturi in questo volume pubblicato da Mondadori Comics!

Questa uscita de La Grande Letteratura a Fumetti ci propone l’adattamento fumettistico di Zanna Bianca, il libro forse più letto e amato del grande Jack London. L’autore è un nome imprescindibile della letteratura americana e per parecchio tempo fu considerato un mito, grazie alle sua vita avventurosa e burrascosa che lo trasformò in un vero e proprio personaggio. London fu un vagabondo, fece un sacco di mestieri, visitò praticamente ogni angolo del mondo e fu politicamente impegnato.

Dal suo straordinario bagaglio di esperienze trasse una peculiare visione dell’uomo e della società, espressa nelle sue opere di narrativa. Sebbene sia spesso stato etichettato come scrittore per ragazzi, London è in realtà un autore complesso, di non facile collocazione. Però è innegabile che libri come Zanna Bianca e il Richiamo della Foresta, giusto per citarne alcuni tra i più celebri, siano stati letti e apprezzati da un pubblico giovanile.

Caterina Mognato firma ora l’adattamento fumettistico di Zanna Bianca. La storia è incentrata su un cane lupo nato allo stato brado nel Grande Nord canadese. In principio, deve affrontare le asperità dell’ambiente naturale in cui vive e non si differenzia dalle altre bestie. Le cose, però, cambiano quando Zanna Bianca dovrà confrontarsi, suo malgrado, con gli uomini. La contrapposizione tra mondo naturale, simboleggiato dagli animali, e mondo civilizzato, rappresentato dagli esseri umani, è una delle tematiche ricorrenti di Jack London e Caterina Mognato la evidenzia con maestria.

Come nel caso del romanzo, la trama viene vista dalla prospettiva di Zanna Bianca. Gli uomini sono quindi percepiti come ostili, minacciosi e crudeli (in effetti, non mancano momenti in cui la cattiveria del genere umano è palese). Dietro l’apparente patina di civiltà, costoro sono animati dalle stesse irrefrenabili pulsioni delle bestie. La differenza sostanziale è che queste ultime sono più spontanee e libere e di sicuro non compromesse dall’ipocrisia.

Caterina Mognato fa un buon lavoro, scrivendo testi e dialoghi efficaci, senza fronzoli, mai verbosi, e delineando una story-line dal ritmo veloce che piacerà sicuramente agli amanti dell’avventura allo stato puro. I disegni sono del bravo Walter Venturi che ha avuto il non facile compito di rappresentare visivamente gli ambienti naturali incontaminati che fanno da sfondo al romanzo di London.

Ha uno stile naturalistico, fluido, pulito ed elegante. Risulta convincente, in particolare, nella raffigurazione dei lupi e degli altri animali presenti nella storia. Pur rimanendo fedele a quello che è il loro aspetto naturale, a tratti li umanizza. In un certo qual modo, tramite gli sguardi, Zanna Bianca esprime emozioni, ora di sofferenza, ora di tranquillità, ora di aggressività, che non possono non catturare l’attenzione del lettore. I paesaggi naturali sono poi ricchi di dettagli e la natura in generale, secondo l’interpretazione grafica di Venturi, assume sovente una valenza intimidente e minacciosa.

Le figure umane sono invece meno suggestive e in questo caso forse Venturi eccede con la stilizzazione. Tuttavia, è un dettaglio che non compromette la qualità complessiva della sua prova artistica. In definitiva, questo quindicesimo volume de La Grande Letteratura a Fumetti è di buon livello e va tenuto d’occhio.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui