Titans: le prime impressioni parlano di una serie “brutale”

0
La serie debutterà il prossimo autunno sul nuovo servizio streming DC Universe.

L’annuncio di una serie sui Titans era stato accolto positivamente dai fans soprattutto dopo aver mostrato le prime foto di Brenton Thwaites nei panni di Robin il cui look accurato aveva fatto sperare in uno show finalmente “fedele” alla controparte fumettistica dopo anni di “licenze” concesse, giustamente visti gli ascolti, agli show sul network The CW.

Poi però l’entusiasmo era un po’ calato con le prime immagini degli altri protagonisti, soprattutto quelle di Anna Diop nei panni di Starfire, e neanche l’annuncio di una serie gemella – Doom Patrol – aveva convinto i fans che, anche dopo l’annuncio ufficiale legato alla partenza in autunno del servizio streaming DC Universe – tutte le info QUI -, hanno iniziato a mantenere una certa riserva sullo show.

Non è dato sapere se un trailer, se non addirittura l’intero primo episodio, di Titans verrà mostrato all’ormai imminente San Diego Comic Con intanto però arriva una “descrizione” piuttosto dettagliata del primo episodio con alcune interessanti notizie.

L’episodio è incentrato su Robin, Raven e Starfire (Brenton Thwaites, Teegan Croft, Anna Diop) ed inizia con un flashback su Robin e il circo con i Grayson Volanti. Stessa struttura viene poi ripetuta per Raven e Starfire.

Quando l’azione si sposta nel presente ritroviamo un Robin che da anni ha lasciato Gotham, e Batman, per San Francisco ed è spaventato dalla possibilità di diventare come Batman. Aiuta la polizia di San Francisco ma cerca di avere meno contatti possibili con gli agenti – tranne che con i Detective Rohrbach e Wolf, due dei personaggi secondari – in tal senso questo Robin è assorbito dal lavoro e lontano dal personaggio “gioioso” dei fumetti.

Raven è descritta come una ragazza problematica. Viene subito mostrata una frazione dei suoi poteri, e di come la parte demoniaca, la influenzi anche se il perno del personaggio sembra essere proprio il difficile rapporto con gli altri a cominciare dai compagni di classe che la bullizzano. Tornando nel presente viene anche introdotto l’antagonista principale The Acolyte: un misterioso assassino, dalle oscure intenzioni, le cui azioni metteranno in moto l’intera serie.

Starfire è descritta come il personaggio più intrigante del pilot. Quando la incontriamo per la prima volta è coinvolta in un incidente d’auto e inseguita da uomini armati. Viene spiegato anche perché il look della foto che avete visto poco sopra, trovandosi ad una festa a tema anni ’70. Starfire sta quindi fuggendo da questi uomini e prima dell’incidente la vediamo armeggiare con vari passaporti, e vari finte identità, e parlare fluentemente diverse lingue. Sappiamo poco di lei solo che è in missione e questa si intreccerà con quella dei Titans.

E’ una descrizione abbastanza frammentaria degli eventi del primo episodio, che viene sottolineato essere di 60 minuti, quello che però è più interessante è la descrizione del tono della serie.

Non è una serie per bambini. C’è violenza, brutalità e linguaggio adulto. Si inserisce nella scia di alcuni show che Marvel ha realizzato con Netflix adottando cioè un approccio più maturo alla mitologia DC.

Non è una copia però perché viene confermato che lo show non mira ad essere “realistico” abbracciando le radici “fantastiche” dei suoi personaggi: c’è una realistica scena di combattimento con Robin ma anche Starfire che lancia i suoi peculiari raggi di energia.

Il primo episodio viene quindi descritto come una eccellente introduzione alla serie, un mix riuscito di realismo e “fantasia”. Il tono è oscuro e realistico, con 3 dei personaggi principali introdotti ottimamente e ottime scene d’azione e una trama ad ampio respiro.

Sperando che questa descrizione si riveli fedele al 100%, quali sono le vostre aspettative sulla serie?

 

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui