Notre-Dame De Paris – La Grande Letteratura a Fumetti Vol. 9 | Recensione

0
Arriva l’adattamento fumettistico di uno dei capolavori assoluti della letteratura francese: Notre-Dame De Paris di Victor Hugo! Non perdete le appassionanti e drammatiche vicissitudini dell’affascinante Esmeralda, del mostruoso Quasimodo e del capitano Phoebus in questo volume Mondadori Comics!

Con questo nono volume de La Grande Letteratura a Fumetti Mondadori Comics propone stavolta l’adattamento fumettistico di Notre-Dame De Paris, capolavoro assoluto del francese Victor Hugo, considerato all’unanimità uno degli scrittori più grandi di tutti i tempi. Si mise in luce a ventotto anni con l’Hernani che suscitò scandalo tra i benpensanti e rappresentò comunque l’inizio di una carriera gloriosa. Nel corso del tempo, infatti, divenne uno degli esponenti più rilevanti del romanticismo, ottenendo il plauso di tantissimi lettori.

Notre-Dame De Paris rappresenta degnamente il suo stile. Nella storia c’è tutto: dramma, pathos, amore, avventura e una sensibilità quasi gotica che rende inquietanti certi aspetti della trama. Il romanzo ha avuto anche il merito di presentare personaggi entrati nell’immaginario collettivo: la splendida gitana Esmeralda, amata dai protagonisti maschili del libro; il mostruoso e deforme Quasimodo, campanaro della cattedrale di Notre-Dame; l’eroico capitano Phoebus, grande amore della bella Esmeralda; e l’infido e perverso arcidiacono Frollo, reso folle dal desiderio che prova nei confronti della giovane.

Tramite essi Hugo delinea una vicenda lunga e articolata che Claude Carré, autore dell’adattamento, rispetta senza trascurare nessun dettaglio, a dispetto dell’ambito limitato di un volume della lunghezza di una quarantina di pagine. La storia si svolge a Parigi e due, in particolare, sono i luoghi cruciali: la cosiddetta Corte dei Miracoli, ghetto popolato da indigenti, avventurieri, criminali e prostitute, soggetti alla legge degli ultimi, un sistema di regole che non ha nulla a che fare con quello della società parigina di alto rango; e naturalmente la cattedrale che dà il nome all’opera.

Per una serie di circostanze, il capitano Phoebus incontra Esmeralda, ragazza che, in ossequio alla tradizione della ‘fanciulla perseguitata’ del romanticismo, si trova nei guai. Tutti, in effetti, sembrano avercela con lei, accusata di crimini che non ha commesso. L’amore tra i due giovani è contrastato non solo dalla società ma pure dal malvagio Frollo che, motivato dalla lussuria, fa di tutto per avere Esmeralda. Persino Quasimodo, a modo suo, la ama, dal momento che è stata l’unica a trattarlo con umanità.

Carré fa un buon lavoro che ha forse il difetto di risultare a volte verboso per ciò che concerne le didascalie. Ciò rallenta il ritmo della narrazione ma nel complesso il risultato è efficace. I disegni sono del bravissimo Jean-Marie Michaud che ha un tratto dettagliato e accurato. Appare evidente in particolare quando rappresenta le architetture d’epoca, gli interni oscuri e intimidenti di Notre-Dame e quelli lussuosi e imponenti delle abitazioni dei nobili. Evidenzia lo squallore della Corte dei Miracoli e riesce a visualizzare in modo sopraffino le emozioni dei personaggi, grazie al ricorrente uso di suggestivi primi piani.

Questa uscita de La Grande Letteratura a Fumetti va quindi tenuta d’occhio e potrà risultare interessante a coloro che amano i classici e le avventure di ampio respiro. Da provare.

 

telegra_promo_mangaforever_2

COMMENTA IL POST