One Piece: il manga apre le porte a una lunga e attesa guerra

Pubblicato il 24 Maggio 2018 alle 12:00

La serie animata di One Piece ha raggiunto l’episodio numero 837 e qui potete leggere la nostra consueta recensione.

ATTENZIONE LA SEGUENTE NEWS POTREBBE CONTENERE SPOILER!

Nel corso del recente capitolo del manga “One Piece“, il numero 904, pubblicato nel numero 23 di Weekly Shonen Jump, Eiichiro ha finalmente imbastito il percorso che condurrà la sua storia verso il tanto atteso incontro al “Reverie” e quale modo migliore per debuttare con la dichiarazione di una guerra lunga e attesa e con l’apparizione di personaggi, organizzazioni in questo caso, che da un bel po’ di tempo avevano fatto sentire la loro mancanza.

Difatti, subito dopo gli eventi catastrofici che avranno ripercussioni sul futuro di Whole Cake Island, Oda ha riportato alla luce l’Armata Rivoluzionaria con l’apparizione di Sabo, Monkey D. Dragon (padre di Rufy), Emporio Ivankov e tanti altri tra cui i Quattro Comandanti dell’Armata. Nel corso del loro dialogo si materializza un momento storico che segnerà da qui in avanti la storia di One Piece e che potrebbe anche aver segnato l’inizio del finale: ovvero una dichiarazione di guerra e sappiamo bene come Oda sia amante di questi avvenimenti (ad esempio la guerra di Marineford).

Nel dialogo tra il fratello adottivo di Rufy e il padre di quest’ultimo, Dragon intima Sabo di portare a termine il piano per l’operazione perchè il Reverie di quest’anno segnerà il momento dell’armata Rivoluzionaria. Sabo con fermezza e decisione prende parola e termina il pensiero di Dragon dichiarando che il Reverie segnerà ufficialmente la dichiarazione di guerra ai Draghi Celesti.

Questa dichiarazione ha letteralmente mandato in panne gli appassionati più ferventi in quanto non esiste immaginazione più profonda che possa provare a teorizzare questa guerra che mette contro i rivoluzionari e il Governo Mondiale che amministra l’universo di One Piece. Una guerra profonda, rossa ed incredibilmente esaltante sta per colpire One Piece. Un conflitto che non avrà protagonisti soltanto la ciurma di Cappello di Paglia (perchè sicuramente un giorno ci arriveranno anche i Mugiwara), ma una vastità di personaggi di un certo rilievo.

Nonostante l’importante e la grandezza del conflitto, era solo questione di tempo prima che l’Armata Rivoluzionaria spostasse il suo obiettivo verso il Governo Mondiale. Dalla fondazione, l’Armata ha da sempre reclutato forze al fine di liberare i territori sotto il controllo dei Draghi Celesti, ma non tutto era andato come previsto e i tempi non erano abbastanza maturi. Adesso invece lo sono e sta per nascere un assalto che lascerà il segno. Il padre di Rufy, Monkey D. Dragon, è diventato molto più insidioso ed influente tanto da convincere il Governo Mondiale a trattarlo con la dovuta cautela e noi appassionati avremo finalmente modo di vederlo in azione.

Al momento non sappiamo quando accadrà la dichiarazione formale di questa grande guerra, ma Oda ha svelato che mancano solo due giorni al Reverie, quindi non dovremmo essere molto lontani da un progetto futuro che, a detta dell’autore (senza dimenticare che in concomitanza ci sarà anche la saga di Wano), renderà Marineford un arco narrativo “cool” se comparati.

Fonte: CB

Articoli Correlati

Ultima delle serie di Destiny of X ad essere presentata, X-Force continua la sua corsa con Benjamin Percy ai testi, affiancato...

12/01/2022 •

14:17

L’incremento esponenziale dei casi di variante Omicron del Coronavirus ha spinto i vertici di LucasFilm a fermare la produzione...

12/01/2022 •

13:16

Tra le serie mutanti entrate nel nuovo corso Destiny of X, New Mutants è quella da cui ci si aspettava meno sorprese, dato che...

12/01/2022 •

11:42