Il primo spazioporto italiano sorgerà in Puglia

Loading...
Il primo spazioporto italiano destinato ai voli suborbitali per il turismo spaziale e non solo sorgerà in Puglia, nella zona di Taranto-Grottaglie

Lo ha reso noto il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dopo che l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) ha completato l’iter per identificare il luogo migliore dove realizzare la struttura, che sarà completata entro il 2020.

 

La scelta dell’area è stata accolta con soddisfazione dall’Agenzia Spaziale Italiana perché dà il via alla seconda fase di un progetto che “pone le basi – ricorda Roberto Battiston, Presidente dell’ASI – per un nuovo approccio commerciale per la ricerca in microgravità e per l’addestramento degli astronauti.  L’Italia è all’avanguardia nella nuova ‘space economy’ che renderà lo spazio accessibile ad una sempre maggior quantità di persone’’ conclude.

La scelta del luogo fa seguito all’accordo del 2017 tra Altec di Torino  e Virgin Galactic di Richard Branson che sta sviluppando la navetta SpaceShip Two per il volo suorbitale e rivolta al turismo spaziale.

Lo spazioporto Italiano potrà dunque essere usato da Virgin Galactic, per eseguire voli sperimentali suborbitali, addestramento astronauti e piloti, per scopi didattici e turismo spaziale, facendo seguito all’accordo firmato nel 2017 tra l’americana FAA (Federal Aviation Administration), ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile) e ASI (Agenzia Spaziale Italiana) sul ‘Commercial Space Transportation’.

La collaborazione proposta si basa sull’utilizzo dello spazioplano riutilizzabile SpaceShip Two ed il suo velivolo vettore, WhiteKnight Two,  che trasporta la SpaceShipTwo fino ad un’altezza di circa 15 Km, prima di rilasciare la navicella che poi sarà autonoma.

 

Entra nel nostro canale di Telegram. Clicca qui
Loading...

COMMENTI