Beetlejuice: il finale alternativo era molto più dark

0
Il film di Tim Burton con Michael Keaton e Winona Ryder è uscito nel 1988 e potrebbe essere in arrivo un sequel.

Larry Wilson, produttore di Beetlejuice, è stato intervistato da Yahoo ed ha svelato il finale alternativo del film: “Nel finale originale, Lydia moriva in un incendio e raggiungeva Barbara e Adam nell’aldilà. Qualcuno ci ha detto ‘Credete davvero che sia una buona idea? E’ questo il messaggio che volete dare ai teenager di tutto il mondo? Morire in un incendio?’ Quindi sì, probabilmente era più dark.”

“Inoltre, Lydia, che, per molti versi, era il personaggio principale, aveva una sorella. Lei era quella dark, la sorella era quella regolare. Warren Skaaren ha eliminato la sorella ed è stata una buona decisione perché la storia si è incentrata su Lydia. E’ il cambiamento che ricordo meglio. Warren ha riscritto la sceneggiatura con grande rispetto. Non succede sempre.”

Mike Vukadinovich è stato ingaggiato dalla Warner Bros. per scrivere la sceneggiatura del sequel di Beetlejuice – Spiritello porcello. La precedente bozza è stata scritta da Seth Grahame-Smith che produrrà il film insieme a David Katzenberg attraverso la loro KatzSmith Productions. Grahame-Smith ha già collaborato con Tim Burton per il film Dark Shadows.

La Warner non ha ancora preso accordi per l’eventuale ritorno alla regia di Tim Burton o di Michael Keaton nel ruolo del protagonista. I due sono attualmente al lavoro sulla trasposizione live-action di Dumbo per la Disney.

telegra_promo_mangaforever_2