Justice League: Scott Snyder parla di un DCU creativo e vitale

0
Fra i temi toccati la Hall of Justice, Martian Manhunter e l’evento di apertura No Justice.

Scott Snyder è stato senza ombra di dubbio il protagonista indiscusso del Wondercon, tenutosi lo scorso weekend in California, annunciando il massiccio rilancio delle testate legate alla Justice League sotto il brand New Justice – per tutti i dettagli cliccate qui.

Intervistato da newsarama il vulcanico scrittore ha fornito alcuni importanti retroscena su questa sua nuova avventura creativa partendo dall’evento No Justice.

No Justice sarà un evento di transizione. Ci siamo resi conto che le conseguenze di Metal si sarebbero riverberate su troppo serie diverse e così è nato No Justice. Alla fine di Metal le decisioni degli eroi hanno stravolto il cosmo e Brainiac atterrà sulla Terra per avvisarli di questo, l’aver risvegliato forze primordiali ecco perché ci sono 4 diversi team – ma in realtà ce ne saranno di più c’è ad esempio quello Terrestre con Amanda Waller e Nightwing – che rispondono ad altrettante “emergenze” come magia, tecnologia etc…

Sul tono dell’evento

E’ un tributo ad una delle mie storie preferiti Cosmic Odyssey del 1988 […] Non stiamo cercando di suscitare scalpore o cambiare radicalmente l’assetto del DCU come fatto in altre occasioni vogliamo rendere omaggio al passato e alle idee alla base di questi personaggi ma portandoli in direzioni nuove ed inedite […] i team creati così “a casaccio” rispondono anche a questa esigenza perché non avere una storia in cui Superman usa Starro come un arma ninja?

Parlando specificatamente della Justice League invece si è partiti dal ritorno della mitica Hall of Justice, il quartier generale terrestre della JL divenuto famoso grazie alla serie animata degli anni ’70, e da quello di Martian Manhunter.

Sarà l’hub sempre aperto, inclusivo ma misterioso dell’universo DC […] il lettore sa che ci sono molte “porte” nel quartier generale ma non le vedrà a meno che non si connetta con Martian Manhunter che presidierà costantemente la Hall of Justice.

La Hall of Justice verrà utilizzata anche dalla Justice League Dark e dalla Odyssey ma anche dai Teen Titans e Titans:

E’ un modo per dare agli altri scrittori la possibilità di utilizzare una location iconica anche nelle loro storie, ad esempio quando Julie e Shawna Benson ci hanno detto i loro piani per Green Arrow abbiamo detto loro “ok perché non dargli accesso alla Hall e farlo interagire con i personaggi?”

Sulla possibilità che nelle serie compaiono Shazam o la JSA invece:

alcuni aspetti del DCU sono connessi in maniera molto profonda con quello che Geoff Johns sta facendo in Doomsday Clock, non possono essere scisse e non posso parlarne approfonditamente perché sono connesse alla mitologia che sta creando in quella serie.

Sul futuro dell’universo DC:

Sono molto orgoglioso di fare parte della squadra New Justice con James Tynion IV, Joshua Williamson, Dan Abnett, Adam Glass e Bryan Hill perché stiamo davvero creando qualcosa di bello e stimolante creativamente parlando […] con l’arrivo di Brian Michael Bendis, e di altri autori che non abbiamo ancora annunciato, e le possibilità date dai nuovi imprinting Black Label, Zoom e Ink, non potrei essere più felice ed entusiasta ed ispirato.

telegra_promo_mangaforever_2