Star Wars: Gli Ultimi Jedi – Mark Hamill: “E’ un Luke Skywalker che non ho capito.”

0
Il film uscirà in home video il prossimo 11 aprile.

Al South by Southwest Film Festival è stato proiettato The Director and the Jedi, film documentario sulla realizzazione de Gli Ultimi Jedi. Dopo la proiezione, Anthony Wonkie, regista del documentario, Rian Johnson, regista de Gli Ultimi Jedi, il produttore Ram Bergman e Mark Hamill, interprete di Luke Skywalker, hanno risposto alle domande dei fan.

Come riportato da Arstechnica, Hamill ha dichiarato: “E’ un Luke che non ho capito. Non capisco per quale motivo abbia scelto il nuovo Hitler come la nuova speranza della galassia. O come sia stata giustificata la cessazione di ogni contatto telepatico con mia sorella. E’ stato come tornare a casa, ma è una casa che non ho riconosciuto.”

“Devi accettare il fatto che non è Mark Hamill in un blockbuster. E’ Luke. Ho dovuto reimmaginare il personaggio. Ho dovuto immaginare cos’è successo tra l’ultimo film che ho fatto e questo dove l’uomo più speranzoso della galassia diventa un vecchio brontolone suicida che dice alla gente di togliersi dai piedi.”

Hamill ha ammesso di aver avuto delle idee terribili per il personaggio ma ebbe discussioni simili con George Lucas: “Lessi la sceneggiatura de Il Ritorno dello Jedi. Pensavo che Luke sarebbe stato trascinato nel Lato Oscuro. Ero vestito di nero. Avevo un guanto. Pensavo che dovesse andare così.”

In precedenza, Hamill aveva dichiarato di non riconoscersi nel Luke de Gli Ultimi Jedi. L’attore spiega: “Sono come molti di voi. Mi sento coinvolto, provo un senso di appartenenza, ma è stupido perché non è una mia proprietà. E’ una proprietà Disney. Ma ci tengo. Ecco cosa accade con questi film. Mi dispiace di aver abbassato la guardia e di aver espresso il mio disappunto. Fa parte del processo produttivo. Non riguarda il pubblico. Mi dispiace perché ho rilasciato certe dichiarazioni prima che il film fosse terminato.”

telegra_promo_mangaforever_2