Black Panther: lo sceneggiatore paragona Tony Stark a Donald Trump

0
Il film è attualmente disponibile nelle sale italiane.

Come riportato da IndieWire, Joe Robert Cole, co-sceneggiatore di Black Panther, e Nicole Perlman, co-sceneggiatrice di Captain Marvel e Guardiani della Galassia, sono intervenuti al panel Superhero Science che si è tenuto sabato scorso al SXSW by Southwest Film Festival.

Cole ha parlato della caratterizzazione di Tony Stark nel Marvel Universe cinematografico in relazione all’attuale momento sociopolitico: “Pensate al momento che stiamo vivendo, con questo Presidente insulso e stupido e il nostro mondo che rischia di crollare a pezzi per colpa sua. Pensate a com’era Tony Stark inizialmente, al fatto che fosse un idiota ed era considerato divertente. Se quel personaggio, quello Stark, fosse creato in un film di oggi, mi chiedo se il pubblico penserebbe ugualmente: ‘Oh, è un figo, è presuntuoso, non rispetta le donne. Tutto a posto.’ Credo che oggi ci troviamo in una situazione diversa. In una situazione migliore.”

La Perlman ha inoltre spiegato che il mercato globale cinematografico influisce su scelte importanti di sceneggiatura: “In uno dei franchise che ho aiutato a sviluppare insieme a Joe, lo saprete presto, c’è tutta una questione sui cattivi che non possono essere di una determinata nazionalità perché quei paesi comprano un sacco di biglietti al cinema.”

Potrebbe essere questo il motivo per cui il Mandarino non era cinese in Iron Man 3. La Cina costituisce infatti il più grosso mercato cinematografico mondiale insieme agli Stati Uniti.

telegra_promo_mangaforever_2