Angoulême 2018: La Saga de Grimr vince (inaspettatamente) il Fauve d’or

0
Il giovane autore porta a casa il premio più importante del Festival

Jérémie Moreau ha vinto il Fauve d’or per la sua opera La Saga de Grimr (Ed. Delcourt).

Continuano dunque  le sorprese al Festival di Angoulême.

Già il Grand Prix assegnato a Richard Corben mercoledì ha lasciato più di un dubbio, soprattutto sull’età dei votanti per il premio, dato che Corben ha raggiunto il suo zenit nel mercato francofono negli anni 1970-1980, anche se in seguito non ha mai smesso di produrre.

Ora tocca a Jérémie Moreau, che ActuaBD con le parole di Didier Pasamonik, considera una summa di questa generazione di giovani autori, che strizza l’occhio all’animazione e che crea una commistione tra questa disciplina ed il fumetto. Il risultato è uno stile di disegno dinamico e colorato, cartoonnesco, una caratteristica che seduce soprattutto il pubblico più giovane svezzato ai manga giapponesi. Abbiamo, dunque, uno stile globalizzato alla confluenza dei fumetti europei, americani e asiatici.

Va tuttavia detto che il giovane autore è già una presenza costante al Festival: Prix de la bande dessinée scolaire nel 2005 e Prix Jeunes Talents au Festival d’Angoulême nel 2012. Ora ha conquistato il podio più alto.

Ricordiamo che il Fauve jeunesse è andato a La Guerre de Catherine, di Fauvel & Billet (Rue de Sèvres).

telegra_promo_mangaforever_2