Anteprima Bonelli, il 2018 di Dragonero

0
La seconda tappa del viaggio nel variegato 2018 bonelliano è dedicata a Dragonero, il cui mondo fantasy sarà sconvolto nel corso di quest’anno dalla saga delle Regine Nere.

È lungo e ricco di novità l’articolo a cura di Luca Barbieri pubblicato sul sito web Bonelli e dedicato a Ian Aranill e ai suoi compagni di avventure. Se il 2017 di Dragonero si è concluso con un’immagine emblematica, quella dei volti di Ian e di sua sorella Myrva che fissano, attoniti, il concretizzarsi di una minaccia da lungo tempo attesa, quella dell’invasione delle Regine Nere, il 2018 del nostro eroe parte proprio da questa scena, che si svolge sulla cima dell’alta torre di Tectuendàrt, in una continuity serratissima, come se l’albo fosse lo stesso. «Anzi – scrive Barbieri – come se lo fossero tutti quelli della Saga. Da questo momento in poi, infatti, gli avvenimenti si succederanno a ritmo incalzante, senza lasciare un attimo di tregua né di respiro ai lettori. E, francamente, neanche di sicurezze: perché le lame degli Elfi neri possono colpire chiunque nell’Erondàr».

L’anno nuovo di Dragonero si apre dunque all’insegna della tanto attesa Saga delle Regine Nere, che terrà compagnia ai lettori per otto lunghi mesi. «Molte cose sono destinate a cambiare, lungo questo arco narrativo, a partire dalla nuova grafica di copertina, che per tutta la durata dell’evento vedrà sventolare il nero vessillo delle regine, e dalla rubrica che accompagna le storie. Senza parlare, ovviamente, delle morti eccellenti di personaggi finora notevolmente importanti per la serie e delle devastazioni che sconvolgeranno gli equilibri politici» scrive ancora l’autore dell’articolo di presentazione del 2018 della serie.

La guerra che si abbatte sull’impero durerà quindi otto mesi, che sembreranno comunque brevissimi, visto il ritmo degli avvenimenti: una sorta di fulminea partita a scacchi, la cui prima mossa spetta a Stefano Vietti e Giancarlo Olivares con l’albo di gennaio, dedicato all’inizio dell’invasione e al durissimo attacco alla capitale imperiale. A Luca Enoch e Giuseppe De Luca, invece, tocca muovere le pedine a febbraio, con il racconto delle molte battaglie che seguono quella di Vàhlendàrt. Un momento particolarmente tragico e doloroso, tra i molti che funesteranno la guerra, arriva a marzo, con disegni di Francesco Rizzato e testi di Stefano Vietti, mentre nei mesi seguenti su disegni di Antonella Platano (aprile) e Fabio Babich (maggio) si comincia ad assistere alla reazione delle truppe imperiali e dei loro alleati.

«A giugno arriva, come turbine di tempesta, un evento epocale: la prima storia di Dragonero scritta e disegnata da Luca Enoch! Inutile aggiungere che si tratta di un episodio davvero imperdibile per tutti i fan della serie. A luglio Stefano Vietti e Gianluca Pagliarani realizzano un’altra titanica impresa: il racconto di un intero giorno di battaglia che si snoda, ora dopo ora, all’interno delle pagine di un singolo albo. Ad agosto la Saga si conclude con lo stesso disegnatore che l’aveva avviata: Giancarlo Olivares; i testi, però, in questo caso sono di Luca Enoch. Il cerchio, dunque, si chiude: Vietti accende le polveri a gennaio, Enoch spegne le fiamme ad agosto, e Olivares garantisce continuità tra i due momenti con il suo tratto dinamico ed elegante» si può ancora leggere nell’articolo di presentazione del 2018 bonelliano.

Al ritorno dalle vacanze estive i lettori troveranno dunque un Erondàr molto cambiato e spetterà a Stefano Vietti e Alessandro Bignamini far comprendere quanto. Una storia doppia scritta da Vietti e disegnata da Luca Malisan e Francesco Rizzato terrà compagnia nei freddi mesi autunnali gli amanti della serie fino ad arrivare all’ultimo mese dell’anno con Luca Enoch e Riccardo Latina.

Questo per quanto riguarda la serie regolare. Lo Speciale estivo vedrà invece impegnati Stefano Vietti e Gianluca Gugliotta, aiutati dai colori di Piky Hamilton, a mostrar quanto spettacolari possano essere gli scontri con i giganteschi e poderosi troll.

Quest’anno inoltre vedrà anche raddoppiare la proposta libraria di Dragonero: «Al consueto volume autunnale (nel quale Paolo Francescutto donerà i colori alle tenebrose tavole di Gianluigi Gregorini per la storia doppia “Il contagio” e “L’agonia di Yastrad”) aggiungiamo una versione deluxe delle storie di Speciali e Magazine, che a molti lettori sono “sfuggite”, arricchendole con corposi redazionali sul mondo di Dragonero. Un primo passo verso l’Enciclopedia richiesta a gran voce dai fan del biondo scout e dei suoi compagni. Si parte per questa nuova avventura con “Oltre i confini dell’Erondàr”, originariamente pubblicata all’interno del primo Dragonero Magazine. E arriviamo, appunto, a parlare anche di questo appuntamento: il Magazine 2018 è confermato a novembre, come per l’anno appena trascorso, e vi attende con l’usuale apparato redazionale dedicato al mondo del Fantastico» scrive ancora Barbieri.

Manca qualcosa? Sì e no: delle collane parallele a quella regolare, Dragonero Adventures e Senzanima, la casa editrice parlerà in altra sede: nelle anteprime che saranno dedicate al nuovo settore “Young” e alla nuovissima etichetta Audace.

telegra_promo_mangaforever_2