Coinvolta la diffusione anche di materiale del manga Tokyo Ghoul: re, scritto e disegnato da Sui Ishida.

Il mercato dei manga, al giorno d’oggi, è soggetto al fenomeno della pirateria con una frequenza e costanza sempre più attiva e, non è un caso, anzi piuttosto sembra essere uno scherzo del destino, proprio questa pirateria sia oltremodo legata ad un’opera che sulla pirateria stessa giacciono le sue fondamenta, ovvero One Piece.

Nel corso della giornata di ieri, un uomo giapponese di 30 anni proveniente dalla prefettura di Okinawa, Yo Uehara, è stato accusato dalla polizia giapponese reo di aver diffuso su Internet, illegalmente, capitoli di One Piece, scritti e disegnati da Eiichiro Oda, prima dell’effettiva pubblicazione da parte di Shueisha. Il giudice e la corte gli hanno sentenziato 18 mesi di reclusione (con una riduzione in quanto l’accusato è propenso a pagare i danni) con una multa pecuniaria di 500,000 Yen (circa 4,000 Euro).

Secondo le indagini della polizia, Uehara riceveva in anticipo le copie di Weekly Shonen Jump e di Weekly Young Jump tramite uno store che, tra l’altro, presentava irregolarità di esercizio. In seguito, l’individuo giapponese scansionava le pagine dei capitoli manga e le ha diffuse attraverso il suo sito web tra il giugno 2016 e il giugno 2017. Il sito web, poggiato da inserzioni pubblicitarie, gli ha permesso di lucrare illegalmente per un anno ben 74 milioni di Yen (circa 600.000,00 Euro).

Uehara era supportato da un team di altre quattro persone che diffondevano scansioni di Tokyo Ghoul: re, il manga scritto e disegnato da Sui Ishida.

Il giudice della sentenza, Suzuki, ha dichiarato che guadagnare denaro attraverso atti illegali abituali è scorretto e, dal momento che il materiale è stato consultato da un grande numero di persone, il livello di violazione del copyright è stato grave.

Anche nel settembre 2017 un gruppo di individui giapponesi sono stati arrestati per aver pubblicato, prima dell’effettiva diffusione ufficiale da parte di Shueisha, capitoli ufficiali di One Piece guadagnando denaro grazie alle inserzioni pubblicitarie dei siti web che ospitavano il materiale.

Fonte: CR

 

telegra_promo_mangaforever_2