I 9 migliori anime con samurai

Pubblicato il 7 Gennaio 2018 alle 12:15

Conosciuti al pari dei ninja, i leggendari guerrieri armati di katana sono uno dei simboli intramontabili del Giappone.

Famosi per il loro senso del dovere, per la loro fedeltà al signore a cui hanno giurato fedeltà, possono diventare anche degli spietati mercenari o dei vagabondi da non disturbare, dei ronin per la precisione, alla ricerca di qualcosa che dia un senso alla loro vita.

Che siano ronin oppure samurai nel vero senso della parola, tutti loro seguono la via della Spada, sottoponendosi ad addestramenti durissimi per perfezionare al meglio la loro arte della scherma. Spadaccini che non hanno rivali, le loro katana sono taglienti e affilate come nessun’arma al mondo.

Nei secoli la loro figura ha dovuto cambiare, fino quasi a scomparire del tutto, ma nonostante il progredire della tecnologia una cosa è certa: il loro mito non morirà mai.

Sono molti gli anime che hanno reso onore ai samurai, ecco a voi alcuni dei più interessanti.

9 – Hyakka Ryoran samurai girl

Hyakka Ryoran samurai girl

Ambientato in un Giappone alternativo, tutti i protagonisti sono personaggi storici realmente esistiti del periodo Sengoku… solo sotto forma di bellissime e provocanti ragazze che (ovviamente per puro caso), sono spesso in abiti succinti e hanno forti difficoltà a tenere i vestiti addosso.

Sono tempi duri per coloro che vogliono seguire la via della spada, lo stato del Grande Giappone è in pericolo e solo degli abili spadaccini possono salvarlo da una fine ingloriosa.

8 – L’immortale

L’immortale

Manji è un abilissimo ronin che in vita ha ucciso cento samurai, proprio per questo è inseguito dagli uomini dello shogun che desiderano la sua testa. Ucciderlo, però, non è affatto così facile primo perché le sue abilità nella scherma non sono seconde a nessuno, secondo perché si vocifera che sia immortale.

Finzione o realtà, questo samurai killer è la persona perfetta per portare avanti la vendetta di Rin Asano, unica sopravvissuta del glorioso dojo Muten Ichiryu, contro coloro che hanno sterminato la sua famiglia.

7 – Katanagatari

Katanagatari

Letteralmente “il racconto/storia della spada”. Un anime simile non può che parlare di katane, via della spada, samurai e cose affini… Non proprio. In realtà obiettivo principale dei protagonisti è andare alla ricerca delle dodici spade maledette di Shikizaki Kiki.

Nessuno dei due protagonisti è un samurai inteso nella parola standard poiché Togame è una stratega, mentre Shichika è l’erede della letale scuola di scherma del Kyotoryu; lui non usa katane, il suo intero corpo è stato forgiato al fine di essere una lama letale.

6 – Ninja Scroll

Ninja scroll

Non facciamoci ingannare dal titolo dell’anime. I cattivi potranno anche essere più affini ai ninja, ma il vero protagonista, Jubei Kibagami, richiama un altro Jubei molto più conosciuto in Giappone. Il personaggio principale di Ninja scroll, così come la persona di cui prende il nome, sono dei maestri spadaccini e degli ottimi samurai.

Più che samurai Kibagami è un ronin vagabondo, uno spadaccino senza padrone che si ritrova coinvolto in una lotta all’ultimo sangue contro un clan ninja che vuole sottomettere l’intero Giappone e ribaltare lo shogunato.

5 – Otogi zoshi

Otogi zoshi

Molto più di un samurai, Hikaru, vestendo i panni del defunto fratello Raikou, padroneggia anche l’arte dell’arco. La sua è una missione sacra: riportare la pace nel Giappone. Purtroppo è un’impresa impossibile per le sue sole forze, ma i suoi fedeli compagni sapranno aiutarla nella sua missione.

Un anime di nicchia, classe 2004, tratto dal manga omonimo, che sa colpire per metà della serie e cala drasticamente, sia a livello di qualità di animazione che di trama nella seconda.

4 – Sword of the stranger

Sword of the stranger

Film assolutamente riuscito e avvincente. Ambientato in un Giappone feudale lo spettatore assiste alle avventure del samurai errante Senza Nome (Nanashi). Per un fortuito/sfortuito scherzo del destino il samurai si imbatte in un bambino inseguito da pericolosi soldati che non hanno buone intenzioni.

Una storia di formazione con personaggi ben costruiti e combattimenti, katana in mano, sensazionali ed emozionanti. Il tutto non rischia di sfociare nelle sole scene d’azione poiché trova lo spazio per approfondire la psicologia dei personaggi. Soffermandosi a dovere sulle loro convinzioni, aspirazioni e desideri.

3 – Rurouni Kenshin

Rurouni kenshin

La storia di Himura, protagonista di uno dei più famosi anime di cappa e spada orientale non ha bisogno di presentazioni. In parte basato su fatti realmente accaduti, Rurouni Kenshin, il samurai vagabondo, entra di diritto tra gli anime che si fanno portatori della via della spada.

Una storia di redenzione e formazione. La strada del guerriero è irta di pericoli e disavventure, ma l’ostacolo maggiore siamo noi stessi. Le sfide più difficili sono quelle che la nostra mente ci mette davanti. I conflitti interiori che siamo chiamati ad affrontare per andare avanti.

2 – Samurai Champloo

Samurai champloo

Mugen e Jin sono due spadaccini dallo stile completamente differente. Il primo è rozzo e trasandato, il suo stile di scherma richiama la sua personalità: privo di schemi logici e pose standard, è selvaggio e imprevedibile. Viceversa Jin è il classico samurai composto, fermo e irreprensibile. La sua tecnica è stata perfezionata con anni di estenuanti esercizi, ripetendo migliaia di volte gli stessi movimenti.

Due persone così non potevano non scontrarsi al loro primo incontro. Seppur diversi, riusciranno a trovare un punto in comune e, nonostante si considerino rivali, sono pronti a brandire la spada insieme per un obiettivo comune.

1 – Shigurui

Nel 1629 lo stile di spada della scuola Kogan è conosciuto e temuto in tutto il Giappone. Superiore a tutti gli altri stili, chiunque ha provato a sfidare il dojo Kogan o è morto o ha subito orribili mutilazioni.

L’allievo più forte e promettente è Gennosuke Fujiki, abile samurai disposto a morire per l’onore del suo dojo. A lui dovrebbe spettare l’onore di portare avanti la stirpe, ma l’arrivo di Seigen Irako, samurai errante che ha sfidato ed è sopravvissuto alla sfida del Kogan, sembra cambiare le cose.

In un’era in cui l’onore è tutto, in cui i samurai possono decidere la vita e la morte delle persone comune, la legge e la ragione è stabilita dallo spadaccino più abile. Chi tra Fujiki e Irako è più indicato a guidare la scuola di spada Kogan?

Articoli Correlati

Il sequel di Naruto, Boruto: Naruto Next Generations, è pronto a esplorare nuove storie che gli appassionati non hanno mai letto...

26/11/2022 •

21:00

Il famoso mangaka de L’Attacco dei Giganti, Hajime Isayama, durante l’Anime NYC di quest’anno ha visitato gli...

26/11/2022 •

19:00

Dragon Ball Z: Kakarot avrà un nuovo DLC dedicato al personaggio di Bardock, il leggendario papà di Goku. Oggi sono arrivati...

26/11/2022 •

18:00