Quali sono le motivazioni dietro l’ondata di cancellazioni?

I corridoi del web iniziano a rumoreggiare intorno a quelle che sono le motivazioni che hanno portato la Marvel ad annunciare la chiusura/cancellazione di ben 6 testate a marzo, come riportatovi qui.

A calmare gli animi è il Senior VP of Publishing/Executive Editor Tom Brevoort che fa notare come anche serie come Thor o X-Men sono state cancellate in passato ribadendo che una cancellazione non significa automaticamente la fine di una storia e/o non riflette il valore di una testata.

Il primo ad uscire allo scoperto però è lo scrittore di Luke Cage – che chiuderà con il #10 – David Walker il quale tramite twitter conferma che la serie è stata cancellata per scarsissime vendite:

Quindi le cancellazioni sono dovute alla scarse vendite? Sì ma non solo… almeno a giudicare dal commento di un altro scrittore Matthew Rosenberg che frena gli allarmismi parlando di un ciclo naturale di chiusure così come nuove serie possano partire.

Intanto Mark Waid – scrittore di Champions – e Margeret Stohl – scrittrice di The Mighty Captain Marvel – rassicurano i fan: anche se le due serie non compaiono nelle uscite di marzo non sono state cancellate:

https://twitter.com/MarkWaid/status/943346167559213056

E’ indubbio che sia iniziato un nuovo corso alla Marvel e a farne le spese per prime come sempre sono le testate che hanno venduto poco negli scorsi mesi ma dietro queste cancellazioni ci sono solo motivazioni economiche oppure è davvero iniziato un “ritorno alle origini” con cancellazioni di testate come Iceman o The Unbelievable Gwenpool sicuramente più affini al periodo Alonso piuttosto che ai gusti dei nuovi vertici composti da C.B. Cebulski e soprattutto Joe Quesada?

Staremo a vedere nei prossimi mesi!

telegra_promo_mangaforever_2