Si sa che il Giappone ha uno dei sistemi ferroviari più efficienti al mondo, ma ciò non significa che sia completamente libero da incidenti

I treni in Giappone sono spesso elogiati per la loro puntualità, tuttavia le difficoltà tecniche e gli incidenti accadono, e in fin dei conti i treni sono ancora gestiti dagli esseri umani, inclini a commettere errori occasionalmente.

Alcuni errori, come la partenza di 20 secondi in anticipio rispetto al previsto, hanno ripercussioni trascurabili (anche se le scuse sono state considerate dovute). Ma partire con un treno completamente vuoto mentre quasi 200 passeggeri sono rimasti sulla piattaforma?

La situazione in questione si è verificata il 13 dicembre, dopo che un treno proiettile diretto a Tokyo in partenza dalla stazione di Nagoya si è fermato sulla piattaforma. Alle 8:30 circa, il treno è partito, lasciando dietro di sé 200 passeggeri confusi.

Fortunatamente, il personale della stazione ha subito notato l’errore e grazie al pulsante di emergenza sulla piattaforma hanno provocato l’arresto di emergenza del treno proiettile già partito. Il problema è stato risolto rapidamente, il treno ha fatto retromarcia di circa 20 metri fino alla piattaforma per far salire a bordo i passeggeri prima di ripartire.

Secondo le Ferrovie Giapponesi, lo svarione si è verificato quando il macchinista ha controllato e ha visto le porte del treno chiuse e ha presunto che i passeggeri si fossero già imbarcati. In realtà, tuttavia, si dovevano ancora aprire le porte per permettere ai passeggeri di entrare.

I funzionari stanno esaminando la situazione per scoprire cosa ha causato esattamente il problema, in modo da poter evitare problemi simili in futuro.

telegra_promo_mangaforever_2