Lumberjanes, Goldie Vance, Snow Blind, The Empty Man e Mouse Guard sono solo alcuni dei titoli prodotti dalla casa editrice.

Non solo cinema e TV e soprattutto non solo X-Men e Fantastici Quattro nell’acquisizione di 21st Century Fox da parte di Disney ma anche asset “minori” come Boom! Studios.

Nel 2009 infatti Fox entrò con una sostanziosa quota partecipativa nella casa editrice favorendo la creazione di nuove serie ed aprendo nuovi canali distributivi e commerciali questo per assicurarsi un diritto di prelazione su bacino di proprieties da poter sfruttare come film, serie TV o serie animate.

Ora con l’acquisizione della Fox, Disney di fatto detiene una quota di minoranza anche di questa casa editrice.

Il Marketing VP di Boom! Arune Singh ha commentato molto diplomaticamente:

Non abbiamo altre informazioni oltre quelle ufficiali del comunicato stampa ma siamo comunque entusiasti delle possibilità di questa nuova partenership. […] Ai Boom! Studios non ci saranno cambiamenti nel breve periodo, Fox era un socio di minoranza e noi continueremo ad operare indipendentemente […]

E’ bene ricordare che Singh prima di occupare la posizione ai Boom! Studios ha lavorato per la Marvel.

telegra_promo_mangaforever_2