La Gazzetta della BD – 7 dicembre 2017 –

Pubblicato il 7 Dicembre 2017 alle 15:25

Tutto il meglio del fumetto BD da Francia e Belgio

Festeggiamo insieme a Thorgal i 40 anni di attività con un volume dedicato al suo disegnatore principe.

La serie Isabellea si conclude, mentre Jean Harambat vince un prestigioso premio quest’anno.

Infine, una triste notizia per tutti gli amanti delle librerie di fumetti e due volumi consigliati a chi ama la Storia.

05 – Il figlio delle stelle, Thorgal, compie la veneranda età fumettistica di 40 anni quest’anno

Per l’occasione, il suo editore, Le Lombard pubblica un artbook in cui sono contenute tutte le copertine di Rosinski realizzate per la serie, con schizzi, disegni, acquerelli e dipinti poco conosciuti o inediti. Un bel libro che arriva al momento giusto in vista delle feste di dicembre.

Quando pubblicò le prime pagine di Thorgal nel 1977, su una sceneggiatura di Jean Van Hamme, Rosinski arriva sul Journal de Tintin con un background artistico non comune nella zona franco-belga. A quel tempo, si tentava infatti di riprodurre gli schemi creativi di Hergé, Jacobs o Franquin. Solo pochi, Vance, Hermann, Dany o Cosey erano le riconoscibili eccezioni.

Il disegno di Rosinski, come Jacobs, invece, ha un forte background accademico ispirato alla “grande pittura”, incoraggiata, per quanto riguarda l’artista polacco, dalla formazione accademica del potere comunista per esaltare il “realismo socialista”. Quindi abbiamo in Rosinski un grande conoscitore di anatomia, composizione e prospettiva. A questo si aggiunge un’esperienza illustrativa pluriennale nel suo Paese.

Grazie alle abilità sue e dell’autore il duo Rosinski-Van Hamme non ci mette molto per rendere Thorgal una delle serie più importanti del fumetto franco-belga.

04 – La serie dedicata alla giovane samurai Isabellea si conclude con un finale epico

Disponibile l’ultimo volume del secondo e ultimo ciclo delle avventure della samurai Isabellae, dal titolo Des Papillons dans la bruine. Dopo una prima ricerca in cui scopre il vero significato della sua vita, la giovane guerriera si reca in Irlanda con le sue amiche per realizzare il suo destino.


Tanto tempo fa, il popolo di Eriu viveva pacificamente, anche se doveva sempre fare attenzione alle invasioni straniere. I Celti sono riusciti infine nella conquista dell’isola, riuscendo a convivere duramente con i nativi, che adottarono le usanze celtiche e ribattezzarono l’isola Irlanda. Dopo i Celti, fu la volta della religione cristiana ad imporsi sul popolo di Eriu. Ma fu con la conquista inglese che i sopravvissuti, ridotti alla servitù, divennero sudditi della Corona britannica e l’isola perse ogni autonomia.

I druidi del popolo Eriu che non hanno accettato questa sottomissione hanno trovato una soluzione per liberare il loro popolo dal giogo britannico: hanno scelto una persona che sarebbe stata “la prescelta”, una ragazza di 14 anni di nome Deidre, che ha iniziato un viaggio pericoloso per tutto il mondo per realizzare il suo destino. Infine Deidre arriva in Giappone. La sua missione era incontrare Edo Ashiwara,con cui ha concepito due bambini, Isabellae e Siuko. Due autentiche ragazze Eriu con formidabili capacità di guerriero e mago.

03 – Dopo 70 anni il tempio dei bédéphiles del Quartiere Latino di Parigi chiuderà i battenti a gennaio a causa dell’eccessivo canone di locazione e di problemi finanziari

Nel cuore del Quartiere Latino, Album, il più antico negozio di fumetti in Francia, situato all’84, boulevard Saint-Germain a Parigi, chiuderà definitivamente il 13 gennaio 2018, stando a quanto annunciato.

 

Troppe perdite finanziarie sono la causa di questa chiusura secondo il suo proprietario, Christophe Le Bel.

La libreria è stata creata nel 1948 dalle edizioni Dupuis, prima di essere rilevata da Glénat e acquistata da Christophe Le Bel nel 1995. Negli anni 2000, il nuovo proprietario del locale ha creato una rete nazionale di negozi specializzati in fumetti. Non meno di venticinque punti vendita erano stati aperti in Francia. Dieci anni dopo, Christophe Le Bel, bloccato da un buco di tre milioni di euro, dovette separarsi uno per uno dai suoi locali, tranne quello di Boulevard Saint-Germain.

Ma la chiusura di questo luogo di fumetti è dovuta anche alla chiusura delle sponde del fiume, agli attacchi del 2015 e ai locatori. “Gli affitti sono stati moltiplicati per dieci dal 2000”, si lamenta. La locazione della libreria ammonta a 180.000 euro all’anno per 280 m². Ad ogni modo, la scomparsa dell’Album comporterà purtroppo anche il licenziamento di dieci persone.

02 – Jean Harambat vince il premio Goscinny 2018

Jean Harambat vince il Prix Goscinny 2018 che premia un giovane sceneggiatore per un fumetto uscito nell’anno in corso. Jean Harambat è il vincitore quest’anno con il suo album Opération Copperhead (pubblicato da Dargaud). Il premio è stato presentato durante la conferenza stampa dell’Angoulême International Comics Festival giovedì 30 novembre.

immagine tratta da bedetheque

 

Il premio è stato fondato da Gilberte Goscinny, moglie del celebre sceneggiatore, nel 1988, in seguito alla commemorazione dei dieci anni della morte di René Goscinny. Il riconoscimento ha avuto una esistenza un po’ travagliata, avendo subito una interruzione a fine anni 2000 per poi vedere di nuovo la luce nel 2017.

Viene assegnato a “un giovane sceneggiatore ovvero ad uno sceneggiatore affermato per tutta la sua opera e sottolinea così il lavoro degli autori di fumetti”. Una mostra dedicata sarà organizzata l’anno prossimo con il sostegno dell’Istituto René Goscinny durante il Festival.

Tra i precedenti vincitori di questo prestigioso premio abbiamo visto distinguersi giovani speranze (poi mantenutesi) come Jean-Philippe Stassen, Sylvain Chomet, Joann Sfar, Émile Bravo, Hervé Bourhis, Riad Sattouf, Gipi, Lug, Ludovic Debeurme, Chloe Cruchaudet o Emmanuel Guibert l’anno scorso.

01 – Con Lefranc e Alix alla scoperta della storia antica e moderna

I due personaggi, creati dalla fervida immaginazione di Jacques Martin, non sono infatti solo protagonisti delle rispettive serie regolari, ma prestano anche il volto a collane collaterali in cui si approfondiscono la storia e la cultura.

Nel caso di specie, Les Batailles de Moselle, narra la storia delle battaglie che hanno avuto come scenario il fiume Mosa, che attraversa Francia, Belgio e Paesi Bassi. Ma questo fiume ha segnato anche un confine tra le zone di influenza francofona e germanofona e diversi conflitti per annettere quelle terre contese.

In questo volume, di ben 56 pagine, troverete disegni, mappe, immagini e scritti che ricostruiscono gli eventi con dovizia di particolari e curiosità sullo svolgersi delle battaglie tra gli eserciti francese e tedesco.

Il volume, edito da Casterman all’interno della collana dei reportage di Lefranc, si può trovare su amazon ad euro 12,90 se siete interessati.

 

Se Lefranc si occupa della storia contemporanea, evidentemente nessuno migliore di Alix poteva portarci alla scoperta di usi e costumi della Roma antica. In questo volume viaggeremo con Alix nel passato per scoprire i segreti dei gladiatori; come il precedente, anche questo volume contiene immagini e schede di approfondimento sulla nascita e lo sviluppo dell’arte gladiatoria a Roma. Anche questo volume costa euro 12,90.

 

 

 

Articoli Correlati

Il mondo di One Piece è vastissimo e ricco di dettagli e tra questi ci sono le taglie sui pirati. Questo argomento, per chi...

10/08/2022 •

14:50

Lo scrittore J. Michael Straczynski tornerà a scrivere Thor nello speciale Thanos: Death Note, riprendendo così il personaggio...

10/08/2022 •

13:00

In tutti i manga Shonen ci sono dei fattori comuni che li caratterizzano e tra questi ricordiamo assolutamente il protagonista...

10/08/2022 •

12:00