Prima parte dell’annuale crossover fra le serie targate DC Comics/The CW.

Dopo l’ottima campagna promozionale delle scorse settimane è giunto il momento del debutto per l’annuale crossover dell’Arrowverse, Crisis on Earth-X. Si inizia con Supergirl che arriva all’appuntamento forte di quello che è il suo miglior episodio della terza stagione, quello della scorsa settimana – trovate la nostra recensione qui – e quindi attesa un po’ al varco di prova: il crossover avrà stoppato l’inerzia positiva dello show e messo in pausa le sue trame oppure le avrà inglobate in maniera organica nell’evento?

L’episodio si apre con una prima panoramica di Terra X, Terra parallela, dove in nazisti hanno apparentemente vinto la Seconda Guerra Mondiale estendendo la loro influenza anche sui paesi alleati compresa l’America dove una strenua resistenza viene definitivamente spazzata via da un misterioso arciere che recupera quella che sembra un’arma o comunque un congegno di qualche tipo.

La narrazione quindi si sposta a Central City dove fervono i preparativi per il matrimonio di Barry e Iris e dove convergeranno anche tutti i nostri eroi compresi quelli di Terra-38, la Terra dove appunto risiedono Supergirl e sua sorella Alex.

La cerimonia ovviamente verrà interrotta da quella che ha tutta l’aria di essere una invasione in piena regola.

Questa prima parte del crossover è tutt’altro che rapida anzi lo sviluppo è mediato dal matrimonio, vero volano dell’episodio, cogliendo l’occasione anche per iniziare a tirare le fila di altre trame lasciate in sospeso come ad esempio quella della separazione di Firestorm o il nuovo status quo di Alex.

In tal senso questo episodio d’apertura ha un tono scanzonato e leggero sfruttando le “strane coppie” che si vengono inevitabilmente a formare quando si chiudono sotto lo stesso tetto i variopinti protagonisti dell’Arrowverse con ovviamente Mick Rory mattatore avendone un po’ per tutti, passando per l’ottima alchimia fra Barry e Oliver fino all’imprevedibile incontro/scontro fra Alex e Sara. Pur non mancando momenti melensi ed estremamente gioiosi il vero climax è rappresentato dall’interruzione della cerimonia e dalla conseguente ottima scena d’azione che ne consegue.

Mentre la regia si limita a sottolineare l’atmosfera di festa e lo stato d’animo dei vari personaggi, imbastisce anche una lunga sequenza action molto dinamica che riesce a catturare l’immediatezza e l’urgenza della situazione fornendo anche un palcoscenico alle abilità dei vari eroi impreziosite da coreografie lineari ma ben realizzate.

Gli show dell’Arrowverse si sono sempre mossi lungo il pericoloso confine fra realismo e sci-fi ma quando si trattava di esplorare territori più strettamente legati alla loro estrazione più “fumettistica” i risultati sono stati ingenui se non goffi, con Crisis on Earth-X, Part 1 questo aspetto viene in parte corretto sia perché i nazisti sono villain “sempre verdi” e capaci di svolgere il loro compito in qualsiasi situazione vengano ripescati, sia perché l’episodio riesce davvero a trasmettere quel senso di coesione che contraddistingue questo tipo di eventi così come i lettori di fumetti sono da sempre abituati ad esperire.

In definitiva una prima parte che serve da semplice, ma efficace, introduzione al crossover e mostra come gli showrunner abbiamo voluto puntare su una maggiore coesione ed una fluidità nella narrazione dell’evento dando spazio in egual misura a tutti i protagonisti pur trattandosi di fatto di un episodio di Supergirl.

Continuano gli stonati riferimenti a Spider-man, come accaduto la scorsa settimana in The Flash, seppur questa volta molto sarcastici di Jax e del professor Stein. Il riferimento alla concorrenza viene compensato però da una citazione immortale da Indiana Jones, l’iconica battuta: “Io odio i nazisti”.

telegra_promo_mangaforever_2