Jim Shooter, ex-editore capo della Marvel, critica la compagnia e Secret Empire

0
Shooter divenne editore capo nel 1978.

Intervistato da Adventures in Poor Taste al Rhode Island Comic-Con 2017, Jim Shooter, ex-editore capo della Marvel, ha criticato l’attuale stato della compagnia. Shooter si è complimentato con autori come Mark Waid ma ha osservato che alcune pagine vengono disegnate più per vendere che per raccontare storie e la narrazione si trascina per mesi, più del dovuto.

Il fumettista si è mostrato particolarmente critico verso il maxi-evento Secret Empire: “Captain America nazista? Mi prendete in giro? Jack Kirby si sta rivoltando nella tomba. Joe Simon uscirà dalla tomba e ucciderà questa gente. Non ha niente a che vedere con le intenzioni originali dei creatori di Captain America.”

Shooter ha inoltre dichiarato che oggi la Marvel è felice se un titolo vende 30.000 copie mentre, sotto la sua guida editoriale, nessuno dei 75 titoli pubblicati vendeva meno di 100.000 copie l’una. Per Shooter, la Marvel dovrebbe smetterla di concentrarsi sulle variant cover e creare storie e personaggi che possano appassionare il pubblico. Ricorda inoltre di quando Hank Pym picchiò Wasp facendo arrabbiare i fan. Per Shooter fu un errore artistico ma dimostrò che i lettori erano legati ai personaggi.

telegra_promo_mangaforever_2