Lo scrittore è ufficialmente da ieri passato alla DC Comics.

Martedì 7 novembre 2017, 15.34: la DC Comics annuncia che Brian M. Bendis ha firmato un contratto in esclusiva.

E’ un annuncio epocale: Bendis è stato per più di 15 anni la penna principale della Marvel influenzandone la politica editoriale, creando personaggi come Jessica Jones – popolarissima dopo la serie TV – o Miles Morales – il secondo Ultimate Spider-man – e firmando alcune run entrate di diritto negli annali del fumetto mondiale come Ultimate Spider-man, Daredevil o Avengers.

Il passaggio di Bendis alla DC è accostabile sotto certi punti di vista a quello di John Byrne che nel 1986 passò alla DC, o quello di Steve Ditko che nel 1966 passò alla Charlton e forse, visto anche l’epoca storica in cui viviamo, un po’ meno d’impatto rispetto ai passaggi di Jack Kirby alla DC avvenuti in due separate occasioni.

Ma perché Bendis ha preso questa importante decisione?

Le voci ovviamente nelle ultime ore si sono rincorse furiose e pur non avendo certezza possiamo tracciare un quadro verosimile in cui Bendis si è mosso negli ultimi mesi.

La Marvel è in piena fase di ristrutturazione, lo è da parecchi mesi anche con momenti che sono stati molto tesi, ed il confronto fra Bendis ed il VP of Sales David Gabriel pare sia stato molto duro: mentre lo scrittore cercava spazio per una diversità e sperimentazione, Gabriel dichiarava apertamente che la “diversità” non vendeva.

Bendis ha perso smalto negli ultimi anni complice anche un ambiente lavorativo senza amici e collaboratori fidati, i suoi ultimi lavori non riuscivano a risollevare le vendite della casa editrice.

Ma perché proprio la DC Comics e non gettarsi nella mischia delle serie creator-owned forte anche della sua splendida Powers?

Perché la DC avrebbe proposto a Bendis un posto al fianco di Geoff Johns al “tavolo” dei film/tv cosa che invece non gli fu concessa da Kevin Feige e sappiamo poi come il MCU, ed in parte quello TV, abbia preso una strada comunque lontana dal suo stile. Questo lo si intuisce dal comunicato ufficiale della DC che parla di un accordo”multi-year, multi-faceted”.

Questo però non significa che Bendis non scriverà fumetti anzi già impazza il toto-serie, interessante è sicuramente un vecchio commento che Bendis fece addirittura al Wondercon 2004 indicando Zatanna come personaggio DC che gli sarebbe piaciuto scrivere!

E la voce non è neanche troppo inverosimile visto anche il sibilino tweet di Scott Snyder che proprio in risposta all’appello di un fan risponde “ci sono piani”:

Certo è che una serie sulla maga con le calze a rete scritta da Bendis e disegnata magari da Sara Pichelli schizzerebbe subito in vetta alle classifiche di vendita.

Più che il toto-serie quindi è interessante capire chi fra i frequenti collaboratori alla Marvel, lo scrittore riuscirà a portarsi in DC questo perché Bendis rimane comunque molto ben voluto da tutto l’ambiente ed ha più volte dimostrato di avere fiuto per i talenti.

Sara Pichelli, che proprio durante una nostra intervista aveva espresso il desiderio di disegnare Harley Quinn, David Marquez, Stefano Caselli?

Con John Romita Jr. ormai stabilitosi in DC Comics, Olivier Coipel – che sarà svincolato dopo aver completato la nuova mini-serie di Mark Millar – e Alex Maleev attualmente freelance, la DC Comics sembra avere in Bendis una carta in più per attirare alla sua corte talenti di primissimo piano.

telegra_promo_mangaforever_2