Il Grouchino di Artibani e Cavazzano: Una scatola di polvere | Recensione in anteprima

Pubblicato il 31 Ottobre 2017 alle 17:00

“Chi non muore campa in eterno!” L’esilarante albo firmato dai maestri Disney.

Un simpatico e arzillo assistente dagli occhi a puntino riceve i futuri clienti di Dylan Dog: inizia così lo spassosissimo albo “Una scatola di polvere”, firmato da due grandi nomi del fumetto Disney Made in Italy (quello D.O.C.G., ricordiamocelo). Francesco Artibani e Giorgio Cavazzano mettono mano rispettivamente a penna e matita per dare vita al comico per eccellenza, quello che sa far ridere e lanciare frecciatine neanche tanto velate.

La famiglia Spaulding giunge a casa dell’indagatore dell’incubo giusto nel momento in cui questi non è presente. Si ritrovano, malauguratamente, a dover esporre il proprio caso all’irreprensibile assistente. Così Groucho si ritrova a dover cacciare il fantasma di una vecchietta trovatasi per sbaglio in casa Spaulding. Da qui, i due partono alla ricerca del motivo per il quale la vecchietta è ancora in giro per il mondo sotto forma di spirito, fin quando si ritrovano al cimitero…

Si ride anche troppo nelle 32 pagine firmate da Artibani e Cavazzano. Il papà di PK e quello di Reginella e Umperio Bogarto si sono ritrovati a manipolare un personaggio che si è adattato perfettamente alle loro mani, modellandolo come se fosse argilla. Il risultato è spettacolare: il picco di umorismo non cala mai, viene messo da parte nei momenti giusti per dare a Groucho la frase a effetto perfetta. La vecchietta fantasma, dagli atteggiamenti volgari, disperati e innervositi, è uno sprazzo di vita reale (nonostante la sua ectoplasmaticità) in mezzo a una situazione grottesca. Lo scambio di urne non è mai stato così divertente.

Il Maestro del fumetto italiano, fresco dei suoi 50 anni di carriera, si cimenta nella ri-creazione del personaggio comico per eccellenza, sia dentro che fuori dal mondo dei fumetti. Le caratteristiche peculiari di Groucho vengono esaltate più del dovuto: i baffoni, i calzoni molto larghi, il sigaro...
Il tratto tondeggiante e morbido di Giorgio Cavazzano rendono ancora più buffo il personaggio marxiano e lo fa muovere agilmente e goffamente all’interno della vignetta bianca. Un albo indubbiamente riconoscibile a metri di distanza, dato l’inconfondibile tratto del disegnatore.

Potrete trovare questo albetto in vendita prossimamente nelle fumetterie e librerie, oppure all’interno del cofanetto, il Grouchomicon, contenente tutti i 12 grouchini + uno (di Alfredo Castelli). Di sicuro “Una scatola di polvere” è uno dei Grouchini che non dovrà mai mancare nella vostra collezione, sia nel caso voi siate fanatici di Dylan Dog che nel caso non lo siate.

Articoli Correlati

Demon Slayer senza ombra di dubbio è uno dei prodotti più apprezzati di sempre in campo manga e anime e la sua trasposizione...

27/07/2022 •

19:00

Fortnite X Marvel: Guerra Zero è la miniserie a fumetti pubblicata in contemporanea mondiale che vede i personaggi della Casa...

27/07/2022 •

18:00

Dragon Ball è un franchise che va avanti da più di 30 anni, e il creatore storico Akira Toriyama ha sempre seguito tutti i...

27/07/2022 •

17:00