John Turturro e Rupert Everett fra gli interpreti della serie TV basata su “Il Nome della Rosa”

0
John Turturro vestirà i panni di William of Baskerville, il monaco francescano del XIV secolo che viene chiamato a investigare una serie di misteriosi omicidi nell’adattamento televisivo del best seller di Umberto Eco “Il Nome della Rosa”. Fra gli altri interpreti, figura anche Rupert Everett.

Oltre a John Turturro, che interpreterà il protagonista della storia (nel film omonimo del 1986 si trattava di Sean Connery), anche Rupert Everett rivestirà un ruolo molto importante nella nuova serie televisiva basata sul romanzo di Umerto Eco “Il Nome della Rosa”: Everett sarà infatti il principale antagonista del monaco investigatore, ovvero l’Inquisitore Bernardo Gui (interpretato nel film da F. Murray Abraham).

Nel cast della serie sarà presente anche il giovane talento tedesco Damien Hardung (“The Red Band Society”), che interpreterà Adso da Melk, il giovane apprendista di William di Baskerville (a cui diede vita nel film Chrtistian Slater).

Dietro la macchina da presa ci sarà il regista italiano Giacomo Battiato (La Piovra 8: Lo Scandalo, La Piovra 9: Il Patto).

La prima volta che il celeberrimo romanzo di Umberto Eco è stato adattato per il grande schermo è stato nel già citato film omonimo del 1986 diretto dal regista Jean-Jacques Annaud, in seguito al grandissimo successo riscosso fra i milioni di lettori che lo hanno apprezzato.

Questa serie in lingua inglese consterà di soli 8 episodi e il budget per la sua produzione si aggira intorno ai 23 milioni di euro, affidata agli italiani Matteo Levi e Carlo Degli Esposti, rispettivamente attraverso le proprie compagnie 11 Marzo e Palomar, in collaborazione con RAI Fiction, alla guida della quale è Eleonora Andreatta.

Anche se la maggior parte dei finanziamenti sarà fornita dalla RAI, altri partner potrebbero unirsi a questa iniziativa, poiché i produttori sono al momento in trattativa con Wild Bunch TV, che dovrebbe essere il distributore internazionale della serie, ma il contratto non è stato ancora filmato.

Umberto Eco, deceduto lo scorso anno, ha supervisionato la sceneggiatura di questo progetto dalla lunga gestazione, scritto dal regista e scrittore Andrea Porporati, insieme allo scrittore inglese Nigel Williams (“Elizabeth I”).

“Il Nome della Rosa” è l’ultima serie prodotta dalla RAI creata per poter avere visibilità anche sul mercato internazionale, in seguito ad altre, come “I Medici”, alla quale ha partecipato, fra gli altri, anche Dustin Hoffman, per la quale la RAI ha creato un rapporto di partnership con Wild Bunch TV, e “L’amica Geniale” di Elena Ferrante, che la RAI sta coproducendo con HBO. Andreatta ha dichiarato:

Queste sono storie che non appartengono solo all’Italia, ma al mondo intero.

Fonte: Variety.

telegra_promo_mangaforever_2