La Foresta dei Suicidi: terrificanti storie reali da Aokigahara

Loading...
↓ Articolo multipagina ↓
Con oltre 30 suicidi all’anno Aokigahara è il posto prediletto dai giapponesi per porre fine alla propria vita. Questo lo rende di diritto uno dei posti più terrificanti al mondo.

Situata ai piedi del Monte Fuji, Aokigahara viene visitata da due tipologie di persone: quelle che vogliono porre fine alla propria vita ed i turisti attratti dalla nomea inquietante che la foresta ha sviluppato nel corso di questi ultimi anni. Vi elenchiamo di seguito 5 storie reali accadute nella fitta vegetazione di uno dei luoghi più terrificanti esistenti sul pianeta.

5. Chi ha tagliato quei nastri?

Una foresta enorme e dispersiva come quella di Aokigahara non è facile da visitare. Non sempre i GPS ed i cellulari funzionano, rendendo molto rischioso imbattersi nei meandri più oscuri del bosco. Perdersi non è affatto raro e per questo motivo diversi visitatori decidono di annodare dei nastri intorno agli alberi in modo da poter ritrovare facilmente la via d’uscita. Un’idea classica ma geniale, se non fosse che molto spesso gli stessi nastri siano stati tagliati deliberatamente da qualcuno… Da chi? Non lo sappiamo! Fortunatamente, però, chi ha riscontrato questi problemi è riuscito sempre a tornare sano e salvo sulla strada in modo da raccontare l’inquietante avvenimento.

Entra nel nostro canale di Telegram. Clicca qui
Loading...
Prossima Pagina

COMMENTI