Hazard Edizioni, tre nuovi fumetti per Lucca Comics 2017

0
Prosegue la collana “Midi – Fumetti per il Sud” (in collaborazione con La Gazzetta del Mezzogiorno), insieme a una miniserie ispirata ai personaggi di Osamu Tezuka.

A seguire tutte le caratteristiche editoriali di tre novità targate Hazard Edizioni che saranno disponibili a Lucca Comics and Games 2017:

Midi – Fumetti per il Sud vol. 6
IL GRAN GHETTO
di Stefano Nardella (soggetto e sceneggiatura) e Vincenzo Bizzarri (disegni)
Il ghetto di Rignano Garganico, in Puglia, la più grande bidonville d’Europa, è un luogo da cui non è facile andare via. Come sabbie mobili, il fango del Tavoliere ti resta attaccato addosso e per le migliaia di giovani immigrati che
arrivano qui per le raccolte stagionali nei campi, andarsene non è semplice come arrivare. Si resta invischiati nello sfruttamento: lavoro sottopagato e violenze dei caporali gestiti dalla malavita locale.
Fahran è giunto al ghetto da pochi giorni. In Somalia ha lasciato la moglie e un figlio di otto anni. Ogni giorno scrive lettere al figlio e gli racconta di quel luogo di miseria e orrore. Ma gli racconta anche dell’energia e della straordinaria
fame di vita che si respira lì; quella che ha spinto tanti uomini e donne ad affrontare un viaggio lungo, travagliato, eroico, di cui il ghetto, che pure sembra un vicolo cieco, è solo una tappa.

CARATTERISTICHE TECNICHE
• 48 PAGINE A COLORI, FORMATO 17 X 24 CM, SU CARTA GARDAPAT 150 GR CHIARA
• BROSSURA, LEGATURA A FILO REFE, COPERTINA A COLORI CON ALETTE 15 CM
USCITA: OTTOBRE 2017 ISBN: 978887502144-3 10 EURO

Midi – Fumetti per il Sud vol. 7
’O STABLMEND
Storie di fumi, di lotte e amore a Taranto
di Tonio Vinci (soggetto, sceneggiatura e disegni)

Michele è un giovane operaio che lavora all’Ilva di Taranto. Vive con la sua famiglia, ha una storia con Paola, figlia di un notaio, ragazza politicizzata in prima linea nella lotta contro l’inquinamento provocato dallo stabilimento e le malattie ad esso connesse.
Michele non vive allo stesso modo la situazione dell’Ilva, anche se è consapevole delle problematiche ambientali e della scarsa sicurezza sul lavoro, delle tanti morti che colpiscono sia gli operai che nello stabilimento ci lavorano, sia
gli uomini, le donne e i bambini che intorno allo stabilimento ci vivono e si ammalano.
Se si ha un lavoro, bisogna fare di tutto per tenerselo, e questo spegne in Michele così come in molti altri, la spinta a lottare contro le ingiustizie e per una vita migliore.
Per Paola, invece, proprio perché appartenente ad un’altra categoria sociale, è più facile decidere di scendere in strada e lottare.
Michele nella sua vita ha sempre scelto poco: operai all’Ilva sono suo padre, suo zio, suo cugino, e di conseguenza, operaio all’Ilva è anche lui, anche perché c’è poco da scegliere. In lui vive la contraddizione se continuare a lavorare allʼIlva, la fabbrica che li sta uccidendo e distruggendo lʼintero territorio circostante, o scegliere di abbandonare il lavoro e cercare di costruirsi unʼaltra vita altrove.
E’ il conflitto tra il ricatto occupazionale in cambio della propria vita, scegliere di ammalarsi e morire pur di mantenere il lavoro o far chiudere la fabbrica e non avere più nessuna possibilità di trovarlo un lavoro. Quando Michele finalmente farà la sua scelta, seppur spinto da Paola, ci saranno conseguenze…

CARATTERISTICHE TECNICHE
• 48 PAGINE A COLORI, FORMATO 17 X 24 CM, SU CARTA GARDAPAT 150 GR CHIARA
• BROSSURA, LEGATURA A FILO REFE, COPERTINA A COLORI CON ALETTE 15 CM
USCITA: OTTOBRE 2017 ISBN: 978887502145-0 10 EURO

La Musa dimenticata, la storia di Hoffmann
Testi Emilia Cinzia Perri, disegni Deda Daniels
vol. 1 (di 2)
17 x 24 cm, 112 pagine, colore, brossura, cucito a colori con alette
ISBN 9788875021535
12,00 euro
Hazard Edizioni, Milano, novembre 2017
Ispirato ai personaggi di Osamu Tezuka, la storia in due volumi è ambientata nella Germania del secondo Reich nel periodo della Belle Époque fra Lubecca e Amburgo, città della Lega Anseatica, in epoca di Bismarckiana, e racconta la storia di un artista e la sua musa. La Musa dimenticata.
1867, Germania del Nord.
Lungo una spiaggia, non lontano da Lubecca, un vecchio pescatore a nome Andres Hooffmann incontra il
piccolo Markus, in fuga dallʼorfanotrofio. Andres riconosce nel bambino una grande rabbia, uno spirito ribelle
e un gran talento per il disegno, cosa che da subito lo accomuna a lui; decide perciò di prendersene cura. Riuscirà il giovane Markus, insofferente delle regole, a trovare la sua strada nella Germania di Otto von Bismarck?

telegra_promo_mangaforever_2