Yoda compare su un libro di storia in Arabia Saudita

Loading...
Alcuni funzionari del Ministero dell’Istruzione Saudita sono stati licenziati dopo aver pubblicato su un libro di storia per le scuole una foto che ritrae il re precedente accanto al Maestro Jedi Yoda.

Nella immagine, che trovate qui in alto, potete vedere re Faisal mentre firma la Carta delle Nazioni Unite, nel 1945, affiancato da Yoda. Per questo, Mohammed bin Attiyah al-Harthi, il funzionario del Ministero dell’Istruzione dell’Arabia Saudita, è stato licenziato per questa imperdonabile svista, ormai divenuta virale sul web.

Sono stati licenziati anche altri funzionari ritenuti responsabili del fattaccio, poiché avrebbero dovuto revisionare il testo con più cura, prima di approvarlo, anche perché l’immagine con Yoda non è stata l’unica svista presente nel testo incriminato.

Il fotomontaggio in questione è stato realizzato da un artista saudita ventiseienne di nome Abdullah al-Sheri, che ha dichiarato al New York Times:

Sono quello che lo ha realizzato, non quello che lo ha inserito nel libro.

L’artista è conosciuto anche con il nickname di Shaweesh e questo fotomontaggio fa parte di una serie che mostra personaggi tratti da alcuni film aggiunti in maniera piuttosto discreta a fotografie che immortalano momenti importanti della storia araba: un’altra immagine mostra Darth Vader in piedi dietro a Lawrence d’Arabia e al re dell’Iraq alla Conferenza sulla Pace di Parigi, nel 1919:

Sheri ha dichiarato di aver messo insieme nella stessa immagine Yoda e il re perché entrambi intelligenti e perché il colore verde della pelle di Yoda e della sua spada laser richiama il verde presente nella bandiera saudita. Il ragazzo ha scoperto che uno dei suoi fotomontaggi era finito in un libro scolastico quando sua madre, che è una insegnante, glielo ha detto, dopo averne vista una copia. l’artista ha inoltre aggiunto che non intendeva affatto offendere il re, ma piuttosto omaggiarlo.

Fonte: Telegraph.

Entra nel nostro canale di Telegram. Clicca qui
Loading...

COMMENTI