I giapponesi si dimostrano molto abili nel conquistare il posto più alto del podio quando si tratta di nobili cause. Sono un popolo molto educato, sia in patria che all’estero. Sono una delle nazioni più sicure al mondo, dove la giustizia opera efficacemente per mantenere le strade pulite dalla criminalità. E ovviamente anche i cittadini stessi si occupano di mantenere le strade e gli ambienti puliti nel vero senso della parola, contribuendo dunque a dar vita a una delle nazioni più linde e pinte del mondo.

I giapponesi si possono decisamente definire dei perfezionisti delle pulizie, talvolta quasi maniacali. La prima prova lampante sono le loro case: la tradizione giapponese impone di lasciare sempre le scarpe sull’uscio, e di girare calzando in ciabatte che non devono mai aver toccato l’ambiente esterno, oppure restando scalzi. I pavimenti sono così lustri che non c’è pericolo di sporcarsi i calzini.

La tradizione dell’igiene sia personale che pubblica è dunque parte integrante della crescita e della formazione dei giapponesi, fin dalla più tenera età, e sono i bambini stessi a occuparsi della pulizia delle classi e della scuola, mediante turni prestabiliti.

I numerosi turisti potranno confermarlo: le strade e le città in Giappone sono pressoché impeccabili. Niente cartacce per terra, pochissimi graffiti sui muri, parchi pubblici lustri fino all’ultimo filo d’erba, spazzini dovunque sempre pronti a raccogliere il più piccolo granello di polvere, e multe salate imposte a chiunque non rispetti l’ambiente.

 

Ma quali sono le regole d’oro che permettono ai cittadini di contribuire a una pulizia così impeccabile del loro paese?

07. Cestini fai da te

I giapponesi sono un popolo molto responsabile delle proprie azioni. I cestini sono ovviamente sempre reperibili nei grandi luoghi pubblici, come i parchi o le stazioni, ma non è sempre facile trovarli a disposizione come può sembrare. In altri paesi, questo potrebbe costituire un problema, e potrebbe incoraggiare abitanti e turisti a gettare i propri rifiuti a terra o fra i cespugli, ma in Giappone non è così. Ai giapponesi viene sempre insegnato a “conservare” la propria spazzatura e ad aspettare sempre di trovare o un cestino o di portarla nei bidoni di casa prima di sbarazzarsene. I giapponesi ovviamente sono previdenti: molto spesso, soprattutto durante le gite o le scampagnate, viaggiano muniti di sacchetti di plastica, in modo da poter sempre raccogliere i rifiuti più comodamente e di trasportarli con facilità nei bidoni o cestini più vicini.

telegra_promo_mangaforever_2