Il direttore del gioco ha dichiarato che il team è concentrato su altre espansioni.

L’universo di Final Fantasy XV, di cui è stata annunciata una versione per PC, continua a espandersi, anche grazie al nuovo titolo per dispositivi mobili Final Fantasy XV Pocket Edition. Ma un seguito non è nei piani del suo tem di sviluppo.

Il direttore del gioco, Hajime Tabata, durante un’intervista alla Gamescom 2017, ha dichiarato che, diversamente dai seguiti del franchise, Square Enix preferisce continuare a esplorare il mondo di Final Fantasy XV in modi più discreti:

Il modello dei sequel completi per espandere una IP o una serie va bene sotto certi punti di vista. L’aspetto negativo è che passa molto tempo senza pubblicare alcunché. In quel periodo, le persone si allontanano, e il loro legame al franchise si affievolisce un po’.

Per cui, anziché lavorare a un seguito molto costoso, il team di Final Fantasy XV ha deciso di lavorare piuttosto su contenuti più piccoli, legati alla storia, come i tre DLC dedicati ognuno a uno dei compagni di viaggio diel principe Noctis.

 

Inoltre, è in arrivo anche l’espansione Comrades, che aggiungerà una modalità multiplayer online a questo gioco di ruolo. Tabata ha dichiarato, a tal proposito, che questa componente online è un chiaro esempio del motivo per cui abbia più senso continuare a implementare la storia di base di Final Fantasy XV al suo interno (attenzione, seguono alcuni spoiler minori su Final Fantasy XV):

Ciò che stiamo cercando di fare è definire cosa è successo in quei 10 anni di storia mancanti, proprio alla fine della storia. Se avessimo provato a farlo nella maniera tradizionale, con un sequel completo, sarebbe stato molto difficile.

Nella campagna di Comrades, i giocatori potranno creare il proprio membro del Kingsglaive, l’armata che combatteva per il regno di Eos. Inoltre, Tabata ha dichiarato che in futuro potremo vedere anche nuove espansioni episodiche, più un altro gioco per VR.

Fonte: Polygon.

telegra_promo_mangaforever_2