Dark Nights: Metal è un racconto “personale” e “scanzonato” per Scott Snyder

Pubblicato il 17 Agosto 2017 alle 10:40

Scott Snyder parla anche di Batman Lost e del Dark Multiverse con i suoi Cavalieri Oscuri.

Dark Nights: Metal #1 è uscito proprio oggi negli USA e Scott Snyder ha discusso in un’intervista con CBR a proposito dei lati più personali e intimi di Metal, ma anche di come sia semplicemente un mega-evento divertente e scanzonato di sei numeri in stile Superamici.

“Tutte le storie cupe che pensavate non potessero mai accadere, qui succedono proprio tutte”, dice Snyder, che spiega anche come la storia spinga i lettori a “scatenare il loro dio rock interiore”.

Snyder ha cominciato ripetendo come Metal, al cuore, sia una storia della Justice League che scopre il Dark Multiverse ed è in atto un’invasione del nostro universo, e di come abbiano bisogno del Metallo Nth, una rarità, per fermarla. Il Dark Multiverse è uno strato oceanico del subconscio in cui i Cavalieri Oscuri sono la personificazione materiale degli incubi e le paure di Batman.

Proprio per questo, Snyder ha discusso anche dell’albo one-shot Batman Lost, che mostra Batman letteralmente disperso nel Dark Multiverse. Una storia che punta a mostrare le sue speranze ma anche le sue paure. Una sorta di “meditazione” per Batman all’interno della sua psiche, che è rappresentata da Olivier Coipel e Bengal, gli artisti dell’albo, come una folle landa desertica in stile Mad Max.

Per Snyder, l’ordine di lettura, infatti, sarebbe: Metal #1, #2, #3, Batman Lost, #4, #5, #6, che i lettori possono tranquillamente leggere per capire Metal, poiché gli altri albi one-shot sui Cavalieri Oscuri raccontano solo le origini dei personaggi e la prima invasione del Dark Multiverse.

L’idea è di esplorare una nuova area del multiverso, ricollegandosi, però, a eventi storici come Crisi Finale, Crisi Infinita e Crisi sulle Terre Infinite, in un tipico evento estivo per tutti i palati.

Snyder ha, poi, giocato molto con la mitologia del DC Universe, arrivando a parlare anche del decimo metallo, che arriva subito dopo il nono (cioè il Metallo Nth), e di come sia legato agli immortali, come Shazam, ma anche Caino e Abele da House of Mystery, difatti è segretamente custodito all’interno della Roccia dell’Eternità.

Parlando dei lati personali e intimi, Snyder ha spiegato come All-Star Batman sia servito come terreno di prova per raccontare “una storia che sia cupa, personale e intimista, ma in un modo folle, grande ed esplosivo.” Ha addirittura citato Guardiani della Galassia Vol. 2 e Wonder Woman per spiegare quanto i supereroi possano essere divertenti ed esuberanti, e un buon modo per fuggire dallo stress e dalle preoccupazioni della realtà quotidiana.

Un sentimento che anche Greg Capullo ha compreso appieno, spiega Snyder, riflettendosi al 100% nelle sue tavole. Capullo, infatti, si è divertito molto a disegnare una mole incredibile di personaggi, da Hawkman a Lanterna Verde, fino a personaggi molto amati, come il recente appena svelato (ma occhio agli SPOILER).

Dark Nights: Metal #1 è disponibile da oggi negli USA.

Articoli Correlati

Yamato Video ha annunciato il doppiaggio italiano di Mix – Meisei Story, la serie anime che adatta il manga omonimo di...

03/12/2021 •

23:07

Tokyo Revengers è uno dei trend manga del momento. Lo spessore di trama e disegni catturano l’attenzione del lettore di...

03/12/2021 •

20:30

La saga manga de Le bizzarre avventure di Jojo è un’autentica istituzione per tutti gli appassionati della nona arte. Il...

03/12/2021 •

20:00