In una recente ed esaustiva intervista con il magazine Mirror, Tetsuya Nomura ha risposto a molte domande sul suo nuovo videogioco di Kingdom Hearts.

Una delle domande verte sulla gran varietà di azioni disponibili per i giocatori, come gli Attraction Flow:

Riguardo queste numerose differenti azioni che sono disponibili all’interno del gioco, ognuna di esse è davvero unica e davvero differente, se si paragonano le azioni disponibili. Ad esempio, per quanto riguarda gli Attraction Flow, avete visto che sono stati introdotti il treno, le tazze girevoli e una nave. Ciò che li rende unici è che non fanno parte di una collezione che si accresce e fra cui è possibile scegliere.

Dipenderà dal tipo di situazione in cui ci si troverà, per cui, in base ai nemici che starete affrontando e al mondo in cui vi troverete, non saprete quale attrazione verrà evocata finché non la attiverete.

Dunque, le evocazioni avverranno in maniera molto simile a quanto avviene in Final Fantasy XV, il che non stupisce di certo, poiché nelle fasi iniziali dello sviluppo di Final Fantasy XV ha lavorato proprio Nomura.

Per quanto invece riguarda la presenza di nuovi personaggi provenienti dalla saga di Final Fantasy o da altri titoli, come NieR: Automata o Dragon Quest, il creatore del gioco ha dichiarato:

Naturalmente, abbiamo delle priorità. Ci sono dei personaggi che hanno già fatto la loro comparsa all’interno della serie, per cui non penso che sia impossibile, ma non sto cercando attivamente di incorporare personaggi già esistenti, solo perché abbiamo già un vasto roster di personaggi originali.

Se la scelta dovesse calzare alla perfezione, sono sicuro che l’idea prenderebbe forma, ma allo stesso tempo devo tenere in considerazione se possa valere la pena o meno concentrare le risorse per creare i personaggi e per dare loro un ruolo in Kingdom Hearts.

Nomura ha anche risposto a una domanda sui boss segreti, in particolare sulla eventualità di potersi scontrare nuovamente contro il potentissimo Sephiroth, antagonista di Cloud in Final Fantasy VII.

Non posso dirlo con certezza, ma, parlando di Sephiroth, vorreste battervi contro di lui di nuovo (ride)?

Parlando di boss segreti, non possiamo rivelare ancora nulla al momento, ma se parliamo di Sephiroth nello specifico, il mio team di sviluppo è preoccupato dal fatto che lo abbiamo visto tornare così tante volte che possa essere ridondante a questo punto. Ne stiamo ancora discutendo.

Nomura ha anche parlato dell’eventualità che prima o poi possa essere realizzato un film in computer grafica dedicato a Kingdom Hearts, in maniera simile a Final Fantasy VII: Advent Children o Final Fantasy XV: Kingsglaive, rivelando che l’idea sembra allettare molto la Disney:

Non abbiamo ancora pensato a nulla in termini di trasposizioni cinematografiche, solo perché è difficile concepire un film che rappresenti una narrativa che è diventata complessa come quella di Kingdom Hearts. Certamente, abbiamo una storia di 15 anni, per cui abbiamo discusso sulla possibilità di realizzarne una versione cinematica, e (la cosa sembra interessare) soprattutto la Disney.

Sono interessati a creare un film in computer grafica di qualche tipo, ma, ripeto, è difficoltoso prendere una decisione sul modo in cui vogliamo realizzarlo e su come dargli forma. Non ho ancora trovato una soluzione riguardo quale dovrebbe essere il modo più appropriato per proporre la parte narrativa, per cui non è stato formulato nulla di specifico.

Un’altra domanda che si pongono i fan riguarda il modo in cui Lea sia riuscito a venire in possesso di un Keyblade. Nomura ha risposto in questo modo:

Per quanto riguarda Lea e il modo in cui ha ottenuto il Keyblade, non è spiegato in maniera molto precisa.

Durante gli eventi narrati in Kingdom Hearts: Dream Drop Distance, viene detto che si sta allenando con Merlino, ma si trattava solo di una breve menzione. Ci saranno più informazioni in Kingdom Hearts III sul modo in cui Lea intende diventare un portatore del Keyblade.

Nel concerto (della Kingdom Hearts Orchestra), ricorderete uno dei video in cui una ragazza fa da narratrice: si tratta di Kairi che sta scrivendo una lettera riguardo i suoi allenamenti, per cui Kingdom Hearts III tratterà quella parte di storia.

Il direttore del gioco Tetsuya Nomura ha divulgato un gran numero di notizie su Kingdom Hearts III, e ha parlato delle ragioni dietro la lunga gestazione del gioco,  dei mondi, di probabili DLC, delle nuove trasformazioni del Keyblade, della possibilità di vestire i panni di un secondo personaggio giocabile e anche dei villain, di Kairi e di ulteriori dettagli sulla storia, oltre che del modo in cui la storia presente nel gioco si inserisca nella timeline di Toy Story.

L’uscita di Kingdom Hearts III è prevista per il 2018 e sarà disponibile per PS4 e Xbox One.

Fonte: Mirror.

telegra_promo_mangaforever_2