Un artista trasforma dei senzatetto in oggetti di gioco in stile Pokemon Go

0
Un artista danese ha portato il trend di Pokemon Go di trovare i Pokemon nella vita reale un paio di passi in avanti, vendendo la chance di tracciare i percorsi dei senzatetto, trasformandoli, dunque, in oggetti di gioco di Pokemon Go per profitto.

Kristian von Hornsleth, questo il nome dell’artista che ha ideato questo controverso progetto, è l’uomo con i capelli grigi all’estrema destra nell’immagine qui in alto.

Dopo aver realizzato un altro progetto controverso, in cui ha pagato 100 abitanti poveri di villaggi in Africa per far cambiare loro il cognome in Hornsleth in cambio di aiuti, questa volta ha deciso di pagare alcuni senzatetto di Londra innanzitutto per poter scattare loro delle fotografie, per poi conferire loro un dispositivo che permetterà di tracciare i movimenti dei soggetti attraverso una app. Anche a questo dispositivo è stato dato un nome dall’artista, “Hornsleth Homeless Trackers”.

Ecco le dichiarazioni riguardo questo bizzarro progetto artistiche rilasciate dallo stesso Hornsleth a Evening Standard:

Ogni persona senzatetto, 10 in totale, è stata munita di un dispositivo tracciante, così il compratore, o il possessore, può seguirli 24 ore su 24, 7 giorni su 7 attraverso una app esclusiva, trasformando effettivamente i senzatetto in elementi di Pokemon Go nella vita reale o in Tamagotchi umani.

Inoltre, i possessori riceveranno un vero ritratto in oro del proprio senzatetto.

Per la cifra di £24,989, corrispondenti a €35,69, gli utenti possono “acquistare” un senzatetto e seguirne ogni movimento attraverso una app dedicata. Hornsleth sta anche vendendo T-shirt e poster in aggiunta alla sua app.

Naturalmente, Hornsleth è stato aspramente criticato per queste sue scelte, ma egli sostiene che le sue azioni e il suo progetto artistico faranno la differenza contro la piaga del vagabondaggio senza un tetto stabile sopra la propria testa:

Fonde il non avere una casa, l’invasione della privacy, l’ineguaglianza e i reality show televisivi, insieme alla decadenza culturale dei giorni nostri e all’arte concettuale interattiva.

Hornsleth ha inoltre aggiunto che il problema dei senzatetto non è limitato alla sola Londra, per cui il progetto è anche uno sguardo sulla società come struttura unitaria, e sul suo fallimento di agire concretamente per contrastare il problema:

Questo progetto è un commento su questa società nella sua interezza. Possiamo far andare un uomo sulla Luna, ma in Gran Bretagna non riescono a togliere gli uomini dalle strade. Sto privatizzando i senzatetto. È assurdo, ed è semplicemente una immagine riflessa del mondo.

L’artista ha inoltre definito il proprio lavoro su questo progetto di trasformazione dei senzatetto in elementi simili a quelli di Pokemon Go come “un lavoro atto a infrangere i limiti etici”.

Fonte: Comic Book.

telegra_promo_mangaforever_2