Assassin’s Creed: Origins, trapelano altre indiscrezioni riguardo le nuove abilità a disposizione

0
Mancano ancora riversi mesi all’uscita di Assassin’s Creed Origins, nuovo capitolo della leggendaria saga, ma continuano a fioccare, indiscrezioni e news riguardo questo attesissimo titolo che molto probabilmente sarà una pietra miliare della serie.

Dopo le recenti dichiarazioni di Ashraf Ismail su Assassin’s Creed: Origins, riguardo la grandezza delle città presenti nel gioco che saranno molto più grandi dell’Havana in Assassin’s Creed IV: Black Flag, nuove interessanti indiscrezioni trapelano anche riguardo le abilità e le possibilità che avremo durante lo svolgimento della trama di gioco.

Quel che si sa riguardo Assassin’s Creed: Origins è già molto, a partire dall’ambientazione egizia che verrà raccontata con accuratezza storica e attendibilità, nei limiti del possibile ovviamente. Rispetto ai titoli precedenti quindi, che erano arrivati alle soglie dell’800, è un passo indietro, dal punto di vista storico, o per meglio dire un ritorno alle origini della serie, quello che ha sancito poi il successo del franchise.

E’ sempre Ashraf Ismail, attraverso il suo canale Twitter, a svelare nuove indiscrezioni riguardo quanto sarà influenzato il gameplay dal nuovo aspetto ruolistico di Assassin’s Creed: Origins. Inoltre ha anche accennato qualche informazione ulteriore riguardo l’interazione del protagonista con l’ambiente che lo circonda, a partire dalla fauna che popola le zone desertiche che faranno da sfondo al gioco.

Qui di seguito vi riportiamo alcune delle domande rivolte al Game Director del progetto dagli utenti riguardo le nuove features che avrà Assassin’s Creed: Origins e le sue relative risposte.

Da quello che si evince dalle risposte, piuttosto scarne ma esaustive di Ashraf Ismail è che le possibilità che avremo a disposizione in questo nuovo capitolo risultano essere, già da pochi dettagli trapelati, davvero moltissime, con la garanzia che quindi la longevità del titolo ne gioverà senza alcun dubbio.

La prima incredibile indiscrezione è che il livello massimo che potrà raggiungere Bayek, il protagonista del gioco, sarà il 40. Un level cap decisamente elevato per un titolo che non nasce per essere un gioco di ruolo bensì un gioco d’azione con questa interessante feature di genere accessoria.

La seconda indiscrezione riguarda invece il rapporto del protagonista con gli animali, che sarà sicuramente stretto, anche a giudicare dal falco che Bayek porta sempre con sé. A quanto pare avremo bisogno di sviluppare un’abilità specifica per poter avere delle affinità più forti con gli animali. La possibilità più grande è dunque quella di poter ammaestrare delle creature selvatiche, di cui la zona dell’Egitto è molto popolata di una grande varietà di specie autoctone e non.

Per concludere, l’ultima perplessità che gli utenti hanno espresso al director è stata riguardo la mira del protagonista mentre monta a cavallo, che è sembrata, durante le varie presentazioni durante l’E3, un po’ troppo lenta e macchinosa. Ismail ha rassicurato tutti dicendo che potremo tranquillamente cambiare la sensibilità della telecamera e dei comandi nel menu, per impostarli e personalizzarli ai nostri gusti ed alle nostre esigenze.

Infine ricordiamo che Assassin’s Creed: Origins sarà pubblicato per PC, PlayStation 4 e Xbox One il prossimo 27 ottobre, una data ancora piuttosto lontana che ci lascia ben sperare anche per una realizzazione curata e perfezionata del gioco.

telegra_promo_mangaforever_2