God of War arriva ad inizio 2018 in esclusiva su PlayStation 4.

La nuova avventura di Kratos in God of War, il quarto titolo della serie regolare sviluppato da Santa Monica Studio, si è mostrato in grande stile nel corso della conferenza Sony all’E3 2017, e abbiamo avuto conferme sui diversi cambiamenti del gioco, ma non vuol dire che sia una strategia errata.

In primo luogo, abbiamo un Kratos molto più saggio e maturo, barbuto ma sempre col temperamento di un grande guerriero spietato. Questa volta affronta le sue avventure con suo figlio, Atreus, ed entrambi viaggiano, anche con l’ausilio di una barca, nel vasto mondo della mitologia norrena. Nonostante questi cambiamenti, God of War resta sempre il gioco violento e sanguinoso di sempre, con elementi sovrannaturali  e orde di nuovi nemici e Boss che vorranno la testa dell’ex Dio della Guerra greco. Tuttavia, una delle differenze che è saltata agli occhi degli appassionati è l’arma principale che Kratos utilizza, ovvero un’ascia che prenderà il posto delle iconiche Spade del Caos.

Il nuovo titolo tenderà sicuramente a tagliare il cordone ombelicale con la mitica trilogia greca, e uno dei cambiamenti di peso sarà la mancanza delle Spade del Caos per lasciare spazio all’ascia. Il cambio di arma significa anche una nuova pagina nella vita di Kratos. Un cambio non di stile ma di vita. Ma perchè gli sviluppatori hanno preso effettivamente questa scelta? Le Spade sono stato il simbolo del franchise, ma Cory Barlog, ovvero il Director e Writer di God of War, nel corso dell’E3 2017 ha spiegato il motivo di questo cambio di rotta (che ricordiamo non è poi così criticabile). Ecco le parole:

Stavamo sperimentando tante armi differenti, tante cose differenti… volevamo creare un’identità, perchè io penso che le spade rappresentino un momento molto oscuro della vita di Kratos. Non sono soltanto delle armi per lui. Sono la sua lettera scarlatta… quindi credo che una parte di Kratos voglia andare avanti e riuscire a lasciarsi le spade alle spalle“.

In seguito, Barlog ha ammesso che abbandonare le spade ha permesso al team di sperimentare le cose che vogliono davvero fare con questo gioco. Quindi, da una parte, oltre alla ragione personale del protagonista, il cambio di arma ha delle ragioni anche legate alla storia, alla narrazione e alla volontà di introdurre novità.

Barlog ha anche dichiarato novità sul mondo di gioco e sul gameplay. Qui per i dettagli.

Prima di concludere, qui potete raggiungere la copertina e le immagini del gioco.

Ricordiamo che la storia di God of War sarà ambientata prima dell’era vichinga, e che sarà sempre sanguinosa come da tradizione (qui i dettagli).

God of War sarà ambientato nella mitologia norrena e segnerà l’inizio di una nuova saga. Sviluppato da Santa Monica Studio e distribuito da Sony Computer Entertainment, il titolo è atteso in esclusiva su PlayStation 4 e PlayStation 4 PRO ed arriverà ad inizio 2018.

Fonte: GR.com

 

telegra_promo_mangaforever_2