Attenzione! L’articolo contiene SPOILER per chi segue la serie animata di Boruto: Naruto Next Generations o per chi non ha ancora concluso Naruto.

Nell’attuale serie manga Boruto: Naruto Next Generations, scritta da Ukyo Kodachi, disegnata da Mikio Ikemoto ed edita e supervisionata da Masashi Kishimoto, stiamo vivendo l’arco narrativo inedito che si pone come racconto principale al grande franchise di Naruto. L’arco narrativo, dopo gli eventi di Boruto: Naruto The Movie, introduce Tentou Madoka, un nuovo personaggio e figlio del Daimyo della Paese del Fuoco, e nell’ultimo capitolo, il 13°, gli sviluppi si sono fatti sempre più interessanti.

Nel momento in cui il ragazzino arriva al Villaggio della Foglia, Boruto viene selezionato come sua guardia del corpo mentre il padre, ovvero il Daimyo, è impegnato per un Summit con il Settimo Hokage Naruto. Nel corso della missione da guardia del corpo, Boruto e Tentou, dopo primi attimi di fuoco e brevi scaramucce, diventano buoni amici tanto che Boruto gli insegna un po’ le fondamenta di un ninja. Ma un grave pericolo si nasconde e questo pericolo prende il nome di “Mujina”.

“Mujina” è il nome di una banda di criminali e ladri che rapiscono Tentou e per il riscatto chiedono denaro in cambio (500 milioni di Ryo) e la liberazione dei prigionieri dalla prigione speciale del Castello di Hozuki (il luogo è ricorrente nella serie di Naruto).

Una volta giunti nel covo dei delinquenti, Tentou si ritrova di fronte al suo rapitore e capo del gruppo “Mujina”, ovvero Shojoji. Quest’ultimo, per riuscire ad ingannare i protettori di Tentou al fine di rapirlo, si è trasformato in Yamaoka, l’assistente più fedele del Daimyo, non destando alcun sospetto avendo così la possibilità di agire liberamente.

L’unica grande differenza è che la tecnica della trasformazione utilizzata non è assolutamente come quella basilare. Infatti, Shojoji ha fatto uso di una nuova tecnica proibita, molto terrificante, che prende il nome di “Shikabane Bunshin no Jutsu” (Tecnica della Moltiplicazione dei Cadaveri) e che non è mai stata rivelata nel manga prima d’ora.

Questa tecnica proibita consente di divorare e acquisire la forma, le caratteristiche fisiche e caratteriali, le conoscenze, le memorie, le abilità e la vita della vittima che ne rimane colpita. Infatti, Yamaoka è deceduto perchè è stato assorbito da Shojoji. La tecnica si può sciogliere per tornare stato originale, ma la vittima non torna in vita.

Per fare in modo che la tecnica sia utilizzata nel miglior modo, bisogna mangiare il cervello della vittima ancora in vita. E’ una sorta di tecnica proibita alla Orochimaru, potremmo dire. Infatti, il ninja leggendario poteva introdursi nei corpi delle altre persone e fare in modo che queste fossero il suo contenitore. La differenza è che il Sannin era arrivato a questa tecnica proibita attraverso esperimenti e anni di studi. Inoltre, sembra che Shojoji sia ispirata da Orochimaru, tanto che nel manga lo nomina più di una volta.

Nel prossimo capitolo, il 14°, Boruto combatterà contro Shojoji al fine di salvare Tentou.

Fonte: comicbook.com

telegra_promo_mangaforever_2