Nathan Never Rinascita: Germano Bonazzi a Terni sabato 17 giugno

Pubblicato il 16 Giugno 2017 alle 09:00

L’autore sarà ospite della fumetteria Antani Comics.

Germano Bonazzi, disegnatore di Nathan Never attualmente all’opera nella miniserie “Rinascita”, incontrerà i lettori nel pomeriggio di sabato 17 giugno presso la libreria Antani Comics di Terni

Il disegnatore ferrarese è anche autore, insieme a Bepi Vigna e Nicola Mari, del volume brossurato Nathan Never: Visioni di un futuro remoto, da poco in libreria.

Antani Comics prosegue nella ultradecennale attività di presentazione di libri e fumetti con autori.

Eccovi una breve intervista realizzata proprio dai tipi di Antani Comics all’autore:

Dopo il successo di Anno Zero, Rinascita. Ci parli in sintesi di questa miniserie, e di cosa si ripropone?

Anche qui troveremo elementi che gravitano attorno al passato di Nathan Never, si entrerà più nel dettaglio e la storia si vedrà sotto altri punti di vista. Uno dei protagonisti fondamentali sarà Ned Mace.

Sei forse l’unico rimasto del gruppo di disegnatori che battezzarono Nathan Never nel 1992. Cosa ricordi dei tuoi esordi?

Era un periodo dove l’entusiasmo era al massimo, lavorare per Bonelli era un traguardo di enorme soddisfazione per un disegnatore di fumetti. In quegli anni la popolarità dei personaggi bonelliani era sempre in aumento, e mi sentivo gratificato e felice di far parte di quel mondo. Un’altra novità fu che, improvvisamente, da disegnatore isolato cominciai finalmente a conoscere dei colleghi, cosa piuttosto insolita per me che avevo lavorato per anni senza conoscere nessuno o quasi. Riguardo allo stile invece, penso di essere cambiato molto e preferisco come disegno ora. All’inizio avevo molte difficoltà di carattere tecnico. Anche se la fantascienza mi è sempre piaciuta molto come genere, trasporre sulla carta la sceneggiatura non è sempre facile.

Bonelli vive un momento di grandi cambiamenti e di evoluzioni. C’è ancora spazio per vecchi personaggi, non supportatissimi alla fine dal marketing, come Nathan Never? Quale è lo stato di salute del personaggio?

Questa è più una domanda da fare in redazione, io spero che ci sia ancora spazio per il nostro Nathan Never e che i nostri sceneggiatori riescano a tener alto l’interesse. E’ indubbio che la testata abbia subito un calo di vendite, penso sia il prezzo da pagare ai rapidi cambiamenti che vediamo adesso, per cui si legge sempre meno, non solo fumetti ma anche libri. E’ una realtà che le edicole sono meno numerose, molte hanno chiuso, per cui ora la Bonelli cerca di conquistarsi uno spazio in libreria. Credo però che alla fine, quello che non morirà mai sarà l’interesse e l’amore che un consistente numero di appassionati ha verso il fumetto e questo sopravviverà a tutte le mode.

 

TAGS

Articoli Correlati

Vita da Slime (Tensei shitara Slime Datta Ken) ha visto concludersi la seconda stagione della trasposizione anime con...

22/09/2021 •

08:05

Saint Seiya – I Cavalieri dello Zodiaco, l’epica saga di Masami Kurumada, diventerà un film live action di cui vi...

22/09/2021 •

07:27

Death Note ha goduto di un controverso film live action di Netflix, ma nonostante le critiche dei fan darà origine a un sequel....

21/09/2021 •

21:00