In un’intervista con Eurogamer, Sam Lake della Remedy ha rivelato che Quantum Break era stato concepito come un nuovo capitolo nella serie di Alan Wake: in questo modo, Alan Wake 2 sarebbe stato un gioco suddiviso in episodi con episodi di una serie in live action come intermezzo.

Qui di seguito, le parole di Sam Lake a riguardo:

Nel concept iniziale di Alan Wake 2 che abbiamo portato alla Microsoft… c’era l’idea che fosse episodico, con episodi in live action fra un episodio e l’altro. Amarono quella parte. Ma la risposta fu, in sintesi: ‘Questa è un’occasione da non perdere, ma… stiamo cercando una nuova IP’. Volevano impossessarsene. Alan Wake è nostro, la questione era fuori discussione, così doveva trattarsi di qualcosa di diverso.

Dunque, per poter continuare a mantenere i diritti della IP del franchise di Alan Wake, Remedy ha deciso di creare un nuovo gioco per la Microsoft, di cui possiederà i diritti. E quel gioco è Quantum Break.

Sam Lake ha inoltre confermato che il progetto ancora non annunciato della Remedy, P7, non avrà nulla a che fare con la serie di Alan Wake, anche se Lake ha ammesso che gli piacerebbe tornare a lavorare su quel franchise: “Non stiamo realizzando Alan Wake 2 al momento. Noi possediamo Alan Wake, sento che c’è del valore in Alan Wake, mi piacerebbe molto creare nuovi Alan Wake, ma queste cose, sono più che idee creative: c’è anche una parte di business in questo. Ci sono molte cose che dovranno andare al loro posto per poterlo rendere possibile”.

Fonte: Eurogamer, via Dark Side of Gaming.

telegra_promo_mangaforever_2