In una recente intervista Scott Snyder non ha perso occasione per parlare dell’imminente Dark Nights: Metal e delle sue correlazioni col Multiverso DC.

Intervistato da Newsarama Scott Snyder (Batman, All-Star Batman) ha provato a chiarire di cosa tratterà il tanto annunciato Dark Nights: Metal, e nel farlo ha anche precisato che non svelerà alcun mistero relativo alla Rinascita DC, ma che comunque sarà funzionale anche a quello (che resta appannaggio di Geoff Johns). Ma la cosa forse più interessante è l’apprendere come il mistero del Dark Multiverse sia già stato piantato sin dal ciclo di storie di Batman realizzato da Snyder assieme al disegnatore Greg Capullo, lo stesso ora al lavoro su Dark Nights.

Visto questo collegamento, non si poteva non far cadere il discorso sul mistero dei tre Joker apparsi in Universo DC: Rinascita, ma Snyder ha precisato che anche questo fa parte del lavoro di Johns e non del suo, sebbene almeno un Joker farà la sua comparsa, come ormai è noto, nel corso di Dark Days: The Forge e Dark Days: The Casting. Questa apparizione – ha confermato lo scrittore – sarà di grande importanza perché avrà il compito di rivelare a Batman cose che lui non vuole vedere. Sarà una vera sorpresa per i lettori.

Parlando invece più nello specifico del Dark Multiverse, sembra che l’idea stessa nasca come diretta conseguenza di Multiversity di Grant Morrison e del riordino del Multiverso DC in 52 universi, come visto nel corso di 52 e di Crisi Finale. Snyder era affascinato da questa idea, ma anche dalla consapevolezza che nel nostro universo la materia come noi la conosciamo occupa solo il 15% circa dell’esistenza, mentre tutto il resto è costituito dalla cosiddetta “materia oscura”, che permea le galassie ed esercita una sua forza nel tenerle assieme, sebbene noi non la percepiamo.

Ecco, questa materia oscura (dark matter in inglese) sta alla base del Multiverso Oscuro, cioè una sorta di buio mare di possibilità sul quale il Multiverso DC galleggia. La domanda fondamentale diventa: e se queste “possibilità” decidessero di invaderci? Ed ecco configurarsi gli scenari più improbabili degni di un blockbuster estivo, con i supereroi DC che fronteggiano dinosauri o robot. A fare da catalizzatore alla storia è il metallo Nth, che sia Batman che Hawkman iniziano a pensare provenga da un luogo al di fuori del Multiverso conosciuto.

Snyder ha chiarito come The Forge e The Casting siano a tutti gli effetti una sorta di Metal #0, ma che si sono dovuti inventare un altro nome alla DC perché Metal non era ancora stato annunciato. Tutto ciò alla fine ci porterà direttamente alla nuova linea Dark Matter con al timone gli artisti della DC’s Master Class già annunciati poco tempo fa e che, alla luce di questi chiarimenti, potrebbe essere effettivamente parte di quel “mare di possibilità” che scorre lento sotto la superficie del Multiverso DC.

telegra_promo_mangaforever_2