mamma mia
Con autoironia e tanta tenerezza, Agustina Guerrero racconta in tempo reale i suoi nove mesi di gravidanza: il risultato è una raccolta leggera e divertente.

Al filone di autrici autoironiche che sdrammatizzano sulle piccole tragedie della vita quotidiana (come Elena Triolo e Pénélope Bagieu), si unisce l’autrice argentina (ora stabile a Barcellona) Agustina Guerrero, che, grazie al suo blog Diario de una volatil, è riuscita a raggiungere un successo tale da meritare una raccolta delle sue strisce, pubblicata in Italia da Edizioni BD: Mamma Mia!, per appunto.

Come si evince dal titolo e dalla copertina, assoluta protagonista di questo fumetto è la gravidanza dell’autrice e del suo compagno, raccontando aneddoti e scene di vita quotidiana dal test di gravidanza fino alla rottura delle acque, in una narrazione suddivisa in capitoli/semestri.

La raccolta si muove tra falsi miti, piccole tenerezze e i disagi tipici delle non poi così tanto dolci attese, vissuti sia dalla neo-mamma che dal neo-papà. Giovani genitori e coppie in attesa proveranno empatia nel leggere queste pagine, ma divertirà anche coloro che non dicono di no a un fumetto leggero e senza pretese, scorrevole e molto libero nell’organizzazione della singola striscia.

Da sottolineare il fatto che, in origine, la Guerrero raccontò la sua esperienza personale in tempo reale, aumentando in questo modo il rapporto empatico con le lettrici e coinvolgendo tutti i suoi fan: la sua pagina facebook ha addirittura superato i 700.000 “mi piace”.

telegra_promo_mangaforever_2