E’ l’unico supereroe dalla Justice Society a sopravvivere al reboot e a rimanere nella continuity ufficiale dell’universo DC. É Michael Holt, il terzo uomo più intelligente del pianeta.

Mr. Terrific n. 1

Autori: Eric Wallace (Testi); Gianluca Gugliotta (Disegni); Wayne Faucher (chine); Mike Atiyeh (Colori); J. G. Jones e Lovern Kindzierski (copertina).
Casa editrice: DC Comics
Provenienza: USA
Prezzo: $ 2,99

E tra tutti i supereroi delle nuove 52 testate, sembra essere l’unico a condurre una vita tutto sommato invidiabile. Geniale scienziato a capo delle Holt Industries, medaglia d’oro olimpica per il decathlon, supereroe fanta-tecnologico e una casa a Los Angeles frequentata dalla bellissima Karen Starr, la Power Girl pre-reboot qui priva di poteri.

Ma il passato di Michael è segnato da un evento terribile che avrebbe avuto risvolti ancor più tragici se non fosse stato per l’intervento dal futuro di qualcuno fortemente legato a lui che gli ha propiziato un grande avvenire e la sua importanza nei riguardi dell’umanità. Va detto che rendere Mr. Terrific protagonista per la prima volta di una propria serie non è facile dal momento che ha sempre avuto un ruolo di comprimario.

Eric Wallace, già sceneggiatore di Titans, ce la mette tutta per dare sapore alla storia. Parte subito con una splash-page singola ed una doppia per conferire spettacolarità alla scena action, presenta il personaggio rapidamente, le didascalie introspettive sono gradevoli e funzionali, le spiegazioni (fanta)scientifiche non sono troppo approfondite e non risultano pesanti.

C’è più spazio per la vita privata di Michael che per quella da supereroe e la connessione tra il lettore e il protagonista viene certamente instaurata. Anche il “cattivo” della situazione è interessante, quasi alla Dylan Dog. Qualcosa permette ad alcuni individui di leggere i segreti più nascosti nelle menti altrui e li spinge ad essere crudeli e violenti.

Tutto sommato dunque la storia funziona. Niente di eccezionale ma un paio di buone idee ci sono e il personaggio viene centrato in pieno. Un po’ più sconcertanti i disegni del nostro Gianluca Gugliotta che ha fornito ottime prove in passato ma qui sembra aver lavorato di fretta e denota molta imprecisione soprattutto sulle figure umane e sulle espressioni facciali. Anche le scenografie sembrano più curate in alcuni punti e più abbozzate in altre. Chine e colori convenzionali.

Da un punto di vista narrativo è un inizio gradevole che promette bene. Non ci troviamo di fronte a un capolavoro ma tenuta conto la difficoltà di un personaggio come Mr. Terrific, l’approccio sembra ben calibrato e comprensibilmente prudente. La resa grafica è meno convincente e la qualità dell’albo ne risente abbastanza. Annaspa ma si tiene a galla.

Voto: 6

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui