Alcune anticipazioni sull’ultima stagione di Orfani: Sam, i dettagli sul crossover tra Dylan Dog e Dampyr e molto altro ancora nelle parole di Roberto Recchioni e degli altri ospiti della conferenza.

Il periodo tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017 è stato per la Sergio Bonelli un momento di celebrazione, ma ha anche segnato l’inizio di una nuova era. Sono stati celebrati i trent’anni di Dylan Dog ma c’è stato anche il lancio di Monolith, il primo progetto fumettistico della Bonelli trasformatosi in produzione cinematografica.

Nel frattempo Orfani, la prima serie a colori nella storia della casa di via Buonarroti, è giunta alla sua sesta e ultima stagione con Sam, il cui primo numero è stato pubblicato il 15 aprile. Proprio su Orfani e Dylan Dog, con qualche passaggio su Monolith,  si è incentrata la conferenza che la Sergio Bonelli ha tenuto durante la quattro giorni del Napoli Comicon 2017.

All’incontro hanno partecipato il direttore editoriale della SBE Michele Masiero, il curatore di Dylan Dog (nonché Magister dell’ultima edizione del COMICON) e ideatore di Orfani Roberto Recchioni, il disegnatore Lorenzo “LRNZ” Ceccotti e lo sceneggiatore Michele Monteleone.

 

Il primo a parlare è stato Recchioni, il quale soffermandosi su Orfani ha presentato Michele Monteleone, sceneggiatore di Sam, definendolo «una risorsa preziosa non solo per le sceneggiature ma anche per la ricerca di nuove leve di fumettisti».

Mentre Ceccotti è stato definito da Recchioni «uno dei migliori illustratori che conosca. Per questo motivo ha curato prima il design di Orfani, e poi quello di Monolith. Ora, con Sam, metterà direttamente mano su Orfani realizzando una copertina».

Lo sceneggiatore Michele Monteleone ha definito quest’ultima stagione di Orfani «molto divertente. Nel primo numero i disegni sono stati affidati al grande Carmine Di Giandomenico (disegnatore di Flash ndr).

Alcuni lettori ci hanno detto che c’è poca fanta-azione nel primo numero, perciò nel secondo abbiamo deciso di eliminare i baloon (ride ndr)». 

Roberto Recchioni ha poi evidenziato come «ogni stagione di Orfani subisca un influsso importante da parte degli sceneggiatori che la curano.

La seconda stagione, ad esempio, aveva una vena di esplorazione umana tipica di Mauro Uzzeo. Mentre quest’ultima realizzata da Monteleone è molto fresca, fa pensare alla Image Comics più moderna».

Successivamente l’attenzione si è spostata tutta su Dylan Dog, e qui Recchioni si è lasciato andare ad alcune anticipazioni piuttosto gustose:«Il prossimo mese (a fine maggio ndr) uscirà un numero del quale sono molto soddisfatto, sarà sceneggiato da Ratigher, e disegnato da Paolo Bacilieri, oltre che da Montanari & Grassani.

Inoltre stiamo portando avanti l’operazione Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi (da poco uscito in edicola ndr), che ristampa in una pregiata edizione a colori i grandi classici di Dylan Dog scritti dal suo stesso creatore. Si ispira al Dylan Dog Diary, ed ha una cura editoriale molto forte.

 

Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi uscirà anche nelle librerie di varia- ha aggiunto- ed ha un prezzo (4,90 euro) molto economico considerando l’edizione di pregio. Il materiale editoriale all’interno è ricchissimo. L’obiettivo è quello di ristampare in una versione importante il primo lascito artistico di Tiziano Sclavi su Dylan Dog». 

In estate invece «faremo uscire l’atteso crossover tra Dylan Dog e Dampyr. Si tratta di un crossover all’americana che inizia su Dylan Dog e finisce su Dampyr. I due albi arriveranno in edicola con due copertine, in una sarà più prominente Dylan, nell’altra Dampyr.

Il crossover è molto divertente- ha aggiunto Recchioni- io ho sceneggiato il numero di Dylan Dog, mentre di quello di Dampyr si è occupato Mauro Boselli. Vedremo Kurjak e Groucho avere degli alterchi, mentre Tesla e Dylan avranno qualcosa da “dirsi” »

Come sempre sarà importante il periodo del Lucca Comics & Games, durante il quale «verrà presentata la nuova serie di Tiziano Sclavi e verrà festeggiato Groucho con ben dodici albetti.

Tra gli autori degli albi su Groucho- ha evidenziato il curatore di Dylan Dog- ci saranno dei personaggi assurdi del fumetto italiano. Inoltre, se vi vestirete da Groucho parteciperete ad un evento speciale».

Ma le sorprese per il Lucca Comics non finiscono qui perché «uscirà anche la seconda storia di Tiziano Sclavi sulla serie regolare di Dylan Dog, disegnata da Angelo Stano. E inoltre- ha chiuso Recchioni- verrà pubblicata una storia unica sulla testata Old Boy». 

Ma Recchioni non si è fermato qui, ed ha anticipato qualcosa sulla fase tre della sua gestione dell’Indagatore dell’Incubo:«Sarà tosta, cambierà parecchio Dylan, lo sconfiggerà.

Questa fase doveva partire già lo scorso Lucca, ma abbiamo trovato nel frattempo degli albi che mettevano equilibrio tra la fase due e la tre, e che facevano da ponte». 

Recchioni ha poi aggiunto:«Ora su Dylan Dog abbiamo creato un flusso. Abbiamo fatto dei buoni albi e alcune sbavature, ma vorrei arrivare al punto che il lettore sporadico consideri ogni albo mensile come qualcosa di speciale da non perdere. Stiamo lavorando su questo.

Mi sto divertendo io, come tutte le altre persone che ci stanno lavorando- ha aggiunto- Dylan è un personaggio che non ha problemi di originalità, perché è post-moderno. Dylan Dog vive non di “cosa” viene raccontato, ma del “come” viene raccontato».

E quando un lettore in sala ha fatto a Recchioni una domanda su possibili storie che approfondiscano il personaggi di Groucho il curatore ha risposto:«Si potrebbe raccontare qualcosa che approfondisca il Groucho soprannaturale. Io lo concepisco come un demone, ma voglio lasciare aperte tutte le interpretazioni degli altri autori».

In chiusura Recchioni ha riservato qualche parola sull’annosa questione dei diritti di sfruttamento di Dylan Dog:«i diritti per il merchandising non sono del tutto gestibili da noi. Appena sbloccheremo la cosa saremo pronti a fare di tutto».

 

 

telegra_promo_mangaforever_2