Ben tornati! Secondo Countdown dal ritorno dalle ferie sarà però un numero breve, conciso e compendioso anche perché sono stato impegnato questa settimana, e lo sarò anche nelle prossime, nel recensire i primi #1 del rilancio dei 52 della DC Comics…quindi leggete il Countdown e poi correte a leggervi le mie recensioni!!!

Buona lettura!!!


a Andy Whitfield. L’attore di origini gallesi protagonista di Spartacus: Blood and Sand è morto questa settimana a soli 39 anni per un linfoma…voto 10 perché ci ha regalato una serie tv di un realismo impensabile, ricca di machismo ed epicità facendo incontrare Il Gladiatore con 300…


a Jeff Smith. Il primo ospite confermato di Lucca 2011 sarà proprio l’amatissimo autore di Bone opera che dopo anni di peripezie editoriali in Italia avrà una edizione degna dell’opera e del suo successo con la prestigiosa One Book Edition, edizione di lusso in un unico volume, rigorosamente in bianco e nero per i tipi della Bao. Speriamo che Smith sia il primo di una lunga serie di ospiti di peso per l’edizione 2011 della convention più importante d’Italia.


a Marko Djurdjevic & Brian Wood. La Marvel continua a lavorare seppure nel mare agitato del rilancio dei 52 targato DC che sta in qualche modo catalizzando l’attenzione di fans ed addetti ai lavori, così sembrano essere passati quasi inosservati da un lato la dipartita non proprio amichevole di Djurdjevic, che si è detto stanco dei supereroi dopo aver lavorato anni in una ambiente ostile in cui Bendis su tutti apprezzava poco il suo lavoro, e dall’altro l’ingresso di Brian Wood, esule dalla DC, che si occuperà dal 2012 dei testi di Wolverine.

Insomma la Marvel continua ad ingrossare le file dei suoi autori con nomi solidi e d’impatto dal punto di vista commerciale.


ad Hazard Edizioni. Che ci regalerà un piccolo gioiello del fumetto nipponico Kegemaru Dan del sensei Sanpei Shirato, opera di fine anni ’60 inizi ’70 ambientata nel medioevo giapponese con forti richiami grafici a Tezuka rappresentano  fra l’altro un vero e proprio manifesto per le rivolte studentesche dei ’70 in Giappone. Quattro volumi da 750 pagine per 25€ cad., scelta per me ottima, vedrà la luce ad ottobre.

Sembra che case editrici più piccole stiano virando verso questi prodotti di qualità e storicamente validi ritagliandosi una fetta importante del mercato e soprattutto coinvolgendo quei lettori che sono ormai stanchi delle proposte che mediamente fanno le case editrici più grosse come Panini o Star che senza nulla togliere sono rivolte ad un pubblico molto giovane.


alla nuova JSA. Nel marasma della nuova continuity una delle “cancellazioni” che ha fatto imbestialire di più i fans è stata proprio quella della JSA…ecco che quindi qualche settimana fa la DC annuncia a sorpresa il rilancio dello storico super-gruppo ricollocandolo su Terra-2, storica casa del gruppo, che quindi subirà per così dire un ritorno alle origini con la propria Terra parallela…alle matite Nicola Scott, già vista all’opera sapientemente sui Secret Six, ma soprattutto ai testi James Robinson. Il 6 di incoraggiamento va allora sia a noi che dovremo provare questa nuova JSA sia a Robinson nella speranza che ci regali delle storie migliori di quelle partorite negli ultimi anni sia su Superman che sulla JLA.


a Bao. O meglio al suo EiC Michele Foschini che esce malconcio ma tutto d’un pezzo da questa intervista fattagli a Narnia…ovviamente i due temi più scottanti sono le traduzioni Planeta e la successiva perdita dei diritti da parte dell’editore iberico.

Ringrazio gli amici di DCLeaguers per la segnalazione!


ad Alastor. Ma come (!?!) faccio un Countdown intero tutto positivo su Lion e quindi su Alastor, sono tutto fiducioso etc e neanche il tempo di girarmi ed Alastor mi combina una delle sue solite corbellerie? Eh si perché a settembre ci sono solo 5 uscite più l’ultimo numero del manga Karin (pèpè-pèppè-pè sono riusciti a terminare un manga!) inutile dirvi che la colpa è ricaduta su Planeta, come sempre…però io ormai mi sento un po’ bastardo a sparare sulla croce rossa, inoltre due conclusioni abbastanza pepate sarebbero da fare:

  1. si avvicina Lucca  perché non fare un po’ di magazzino così da portare tutto in fiera?
  2. se facciamo magazzino perché non tenerci un bel po’ di roba di modo che la Lion può partire tranquilla ed avere un catalogo su cui eventualmente dirottare l’attenzione nei primi tempi?

Poi c’è da fare la più importante delle considerazioni che riguarda ormai lo sparuto gruppo di lettori che segue ancora Planeta/Alastor: saltando le uscite questo mese si accumulano ulteriori ritardi che difficilmente verranno colmati riducendo la finestra di lavoro per Lion che dovrà incastrare sia FlashPoint che il rilancio dei 52, certo se poi si vuole procrastinare il rilancio dei 52 allora la strategia sta riuscendo perfettamente…


come le nuove mini-serie italiane Star Comics. Dopo la stupefacente sorpresa di Walter Buio di qualche mese fa seguo con interesse tutti gli annunci Star riguardanti i progetti Made in Italy ed ecco che a ridosso di Lucca verranno presentate le 3 nuove serie: Kepher, fantascienza che miscela alieni ed antico Egitto, Nuvole Nere, che adatterà alcuni racconti di Carlo Lucarelli, e Legion 75, thriller dispotico ambientato in un 1975 alternativo. Insomma ce n’è per tutti i gusti date uno sguardo chissà…


come questi due pesi massimi: Chuck Norris e Jean-Claude Van Damme. Sì, sì,  Stallone ha fatto un miracolo ingaggiando Norris e Van Damme per il sequel dell’highlight cinematografico della scorsa stagione ovvero The Expendables! Sembra inoltre che della partita saranno anche Nicholas Cage e John Travolta! Ma che filmone sarà?!? vi prego buttate il copione ci basta uno sfondo in cui tutto esplode e gente che spara con armi improbabili o si picchia facendo mosse di arti marziali varie ed eventuali…


a Panini/Planet Manga. Ho letto le segnalazioni sulla pessima edizione di Tokyo Killers di Jiro Taniguchi pubblicata questo agosto. Sembra infatti che alcune tavole non sia state ribaltate con conseguente sfasamento dell’ordine di lettura e fatica nella comprensione e nella lettura stessa,

Planet Manga si è “subito” prodigata nello spiegare i motivi di questi “errori” che di fatto errori non sono in quanto mancando i materiali originali digitali Planet pur di non scannerizzare alcune pagine ha preferito mantenerle così col beneplacito dello stesso Taniguchi.

La spiegazione non fa una piega se non fosse che gli stessi identici problemi furono riscontrati nella prima edizione di Tokyo Killers datata agosto 1998 quindi con la proverbiale eleganza Planet Manga ha di fatto pubblicato questa “nuova” edizione come riveduta e corretta…


all’Italia. Io sono uno di quelli che dice che l’Italia è un paese bellissimo ma praticamente se potesse scappare lo farebbe a gambe levate…questo ragionamento non fa una piega se pensate che dal 1 settembre è entrata in vigore la legge che fissa il tetto degli sconti applicabili sui libri al 15%. Inutile divagare e piangere ripensando agli sconti del 40% di amazon o al 3×2 Feltrinelli…piuttosto davvero un paese come l’Italia, che di fatto legge poco e non parlo di fumetti, ha bisogno di questa che è una vera e propria stangata alla cultura? Ignobili…

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui