Rogue One: il finale originale è cambiato per riallacciarsi a Una Nuova Speranza

Pubblicato il 26 Marzo 2017 alle 18:25

Rogue One: A Star Wars Story arriverà in home video dal 12 aprile.

Se George Lucas, quando stava producendo il primo Star Wars (1977), avesse saputo che un giorno qualcuno avrebbe diretto un prequel estremamente connesso al suo film,  avrebbe fatto più attenzione ai dialoghi contraddittori con i quali si riferiva ai piani della Morte Nera e a come erano stati rubati.

All’inizio di Una Nuova Speranza, infatti, quando Darth Vader interroga la principessa Leia, il Signore Oscuro dice: “Alcune trasmissioni sono state inviate a questa navicella dalle spie ribelli. Voglio sapere che fine hanno fatto i piani che ti hanno inviato.” Ma più avanti nel film, l’ammiraglio Conan Antonio Motti dice a Vader, “La tua triste devozione verso quell’antica religione non ti ha aiutato a scongiurare il furto dei piani.”

Quindi i piani della Morte Nera erano stati rubati fisicamente, oppure trasmessi e inviati? Invece di rispondere a questa spinosa domanda, con un colpo di genio (da genio qual è) Gareth Edwards in Rogue One ha scelto entrambe le versioni della storia.

Eppure ha avuto qualche problema nello svilupparle al meglio durante il film.

“Nella versione originale i protagonisti rubano i piani, cercano di tornare alla navicella, ma lungo il percorso va tutto alla malora” ha rivelato Edwards ad EW. “Quindi in quella versione erano costretti ad andare verso la torre di trasmissione e inviare i piani ai Ribelli. Solo che la sequenza era troppo lunga, e abbiamo dovuto comprimerla. E una delle soluzione più ovvie per comprimerla e risparmiare tempo è stata quella di incorporare la torre di trasmissione nella base, così che per raggiungerla non avrebbero dovuto tornare alla spiaggia.”

La corsa di Jyn Erso, Cassian Andor e K-2SO è stata filmata e usata per la promozione del film (ricordate il primo trailer?), ma non sarà inclusa nella versione blu-ray del film.

“E’ stata veramente dura tagliare quella scena e rifarla, perché adoravo da morire tutto quel materiale che avevamo girato” ha spiegato il regista. “Come sempre, tutto quello che facciamo deve essere fatto per il film. Non dovevamo superare le due ore, o avremmo rischiato di annoiare gli spettatori. E da regista non potevo permettermi di far annoiare gli spettatori durante uno Star Wars.”

Articoli Correlati

Le novità Anime Factory di Dicembre 2021 vedono la pubblicazione del film Earwig e la strega di Studio Ghibli, di cui qui potete...

20/10/2021 •

13:18

Lautaro e Perisic stanno facendo impazzire i social per un’azione di gioco che ha richiamato il celeberrimo Capitan Tsubasa...

20/10/2021 •

11:43

Abbiamo incontrato Zerocalcare alla Festa del Cinema di Roma 2021 in occasione della presentazione della sua prima serie animata...

19/10/2021 •

17:23