Dalla penna tagliente di Jean-Patrick Manchette, autore di culto del noir contemporaneo, la parabola di un killer innamorato e perdente. Una storia violenta, sovversiva, inquietante, arricchita dalle atmosfere amare del disegno di Jacques Tardi.

Posizione di tiro

Autori: Jacques Tardi e Jean-Patrick Manchette
Editore: Coconino Press-Fandango

Collana: Maschera Nera

Numero pagine: 104, bianco e nero
Prezzo: 16 euro

Uscita: Già disponibile
ISBN: 9788876180415

Dopo Dostoevskij e Tolstoj il poliziesco rappresenta l’unica grande letteratura morale della nostra epoca”. _ Jean-Patrick Manchette

Martin Terrier è un sicario professionista. Uccide per denaro, senza rimorsi. Ma ha intenzione di smettere. Dietro la “carriera” che si è scelto, infatti, c’è una motivazione romantica: l’amore per una donna irraggiungibile, che vuole convincere a stare con lui quando sarà diventato abbastanza ricco a suon di morti ammazzati. Martin è sul punto di realizzare il suo progetto. Ma, come in ogni noir che si rispetti, qualcuno si mette in mezzo per deviare il suo percorso. Una banda criminale lo ricatta, gli chiede un ultimo incarico. Di lì in poi, è una continua discesa all’inferno…

Jacques Tardi, un big del fumetto, adatta in versione graphic novel il celebre romanzo Posizione di tiro di Jean-Patrick Manchette, uno degli scrittori più rappresentativi e di culto del nuovo noir francese, morto nel 1995. È il ritorno di una coppia formidabile di autori: i due avevano già realizzato insieme il romanzo a fumetti Griffu nel 1977. Questa volta Tardi lavora solo sul testo lasciato in eredità dall’amico scrittore, e con i suoi disegni raffinati ed essenziali ricrea alla perfezione le sue atmosfere. Ci guida in una Parigi oscura, in un mondo sovversivo e violento, popolato di emarginati e perdenti, dove le cose possono andare solo di male in peggio. E dove alle trame poliziesche si accompagna una critica spietata e ironica di ogni potere costituito.

In queste spettacolari tavole a fumetti rivive la scrittura fredda e chirurgica di Manchette, secca, sincopata e dai ritmi quasi jazz, in cui nessuna parola è collocata a caso o superflua, e le azioni definiscono la psicologia dei personaggi. Tardi non si limita ad illustrare ma interpreta, amplifica. Fa risuonare di nuove corde un romanzo chiave del noir contemporaneo, già acclamato a suo tempo da lettori e critici.

Con Manchette il noir acquista coscienza di se stesso, si fa consapevolmente letteratura, oltre il consumo e la moda” _ Valerio Evangelisti

Dal racconto secco, rapido, scarnificato all’osso Tardi estrae una violenza espressionista che sconfina nel grottesco e nel macabro. Un artista unico”. _ Jean-Claude Loiseau, Telerama

Su questo graphic novel soffia un vento gelido: quello del romanzo noir” _ Francois Guérif

GLI AUTORI

Jacques Tardi è nato nel 1946 a Valence, e si è diplomato all’Ecole des arts décoratifs di Parigi. Nel 1970 debutta sulla rivista “Pilote” con storie scritte da Jean Giraud/Moebius e da Pierre Christin. Tra i suoi numerosi graphic novel Il demone dei ghiacci, ispirato all’immaginario 800esco di Jules Verne, e il ciclo delle avventure di Adèle Blanc-Sec, una rivisitazione del classico feuilleton dalla quale Luc Besson ha tratto un film. Negli anni ’80 Tardi ha adattato a fumetti alcuni romanzi polizieschi del popolare Léo Malet. In seguito ha realizzato La Guerre des tranchées, ambientato durante la prima guerra mondiale, e La Débauche con Daniel Pennac.

Jean-Patrick Manchette (1942-1995). Jazzista, scrittore e sceneggiatore, traduttore e critico letterario. In dieci anni, a partire dal 1971, ha pubblicato numerosi romanzi divenuti il principale modello di riferimento per il nuovo noir francese. Tra questi Posizione di tiro, Pazza da uccidere, Fatale e Nada, dal quale Claude Chabrol ha tratto un film.

telegra_promo_mangaforever_2

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui