Piccole gemme n°10 – La morte di Capitan Marvel

Pubblicato il 9 Settembre 2011 alle 11:48

La storia toccante e magnifica degli ultimi giorni di vita di Capitan Marvel. Una delle graphic novel Marvel più belle ed emozionanti di sempre, scritta e disegnata dal grande Jim Starlin.

Nel numero scorso avevo promesso di parlavi di Hulk: Futuro imperfetto ma i casi della vita mi hanno portato a riprendere in mano la bellissima graphic novel La morte di Capitan Marvel di Jim Starlin (Play Special n°1, 1990 edito da Edizioni Play Press).

Starlin, grande autore di saghe cosmiche (impossibile non citare il suo Warlock), ha dichiarato che questa storia è in realtà la rappresentazione fumettistica della morte del padre avvenuta per colpa del cancro.

Il volume è, se vogliamo, un prodotto Marvel atipico. Dimenticatevi battaglie epiche e botte da orbi. Come del resto racconta il titolo, questo è il racconto finale di Capitan Marvel, è la cronologia dei suoi ultimi giorni di vita e della lenta ed inesorabile fine di un eroe alieno fin troppo umano.

Come detto, tra queste pagine non ci sono battaglie memorabili, non esiste un nemico da abbattere sul campo di battaglia, c’è solo un uomo con il suo male che deve accettare l’inevitabilità del fato.

Ci sono battaglie che nemmeno un grande guerriero può vincere. Quando sai che il nemico è dentro di te, sei impotente e percepisci che inevitabilmente tutto finirà.

Sai che la tua grande voglia di vivere e tutto il tuo enorme potere non ti salveranno. L’avanzare della malattia, l’inevitabilità del fato e la fragilità del tuo corpo ti porteranno verso l’inevitabile conclusione.

Un pensiero va alla propria amata, che inevitabilmente rimarrà sola. Un altro va agli amici di tante battaglie e alla consapevolezza che verrai ricordato per quello che hai fatto, per ciò che eri e per ciò che hai sempre combattuto.

Ma soprattutto, si può accettare la morte? Anche se questa non avviene per un gesto eroico o in modo violento ma semplicemente annunciata? Le persone che ci vivono accanto saranno in grado di accettarla anche se avranno coscienza che sarà inevitabile?
Ma poi in fin dei conti che cos’è la morte? Una oscura signora che ci bacia e ci strappa dai nostri cari o più semplicemente solo l’inizio di un lungo viaggio?

Se non avete mai letto questa storia vi consiglio caldamente di recuperala (è stata recentemente ristampata su Super-eroi: le grandi saghe n°19), perché questa graphic novel è un piccolo capolavoro.

Nonostante che negli Stati Uniti sia stata pubblicata nel 1982, La morte di Capitan Marvel mantiene un’impressionante freschezza narrativa.
Se poi l’argomento vi tocca da vicino come è accaduto al sottoscritto, allora potrete solo commuovervi.

Un brindisi agli amici assenti.

Next: Futuro imperfetto (questa volta veramente!)

P.S. Ciao Babbo. Ci rivedremo dall’altra parte.

Articoli Correlati

Goen, Real World e Lineachiara — le etichette di RW Edizioni — torneranno in fumetteria il 24 Settembre 2021 con una...

20/09/2021 •

12:40

Panini ha appena comunicato la decisione di non partecipare alle fiere autunnali del fumetto, a cominciare quindi dal Romics di...

20/09/2021 •

12:17

“È come se ogni generazione avesse la sua Josée” Con queste parole il produttore Shuzo Kazahara racconta l’esperienza di...

20/09/2021 •

12:08