La casa editrice milanese porterà in edicola, in questi giorni a cavallo tra la fine del mese di gennaio e l’inizio di quello di febbraio, sei albi. Quattro conterranno storie inedite, due, invece, ristampe.

Sul fronte degli inediti a inaugurare le uscite Bonelli della settimana ci pensa Julia, il cui albo mensile numero 221 arriverà nelle edicole del Belpaese mercoledì 1° febbraio. “Nel centro della bufera”, questo il titolo del volume, ha soggetto di Giancarlo Berardi, sceneggiatura dello stesso Berardi e di Lorenzo Calza, disegni a cura di Roberto Zaghi e copertina del solito Cristiano Spadoni. Julia e Webb sono tra i componenti della scorta di Miles Sommer, un pluriomicida che dev’essere trasferito da Garden City a Missoula, nel Montana. Lungo il tragitto, nel cuore del territorio delle Montagne Rocciose, la potenza di un’improvvisa bufera di neve scaraventa fuori strada il furgone cellulare su cui viaggiano: due poliziotti assegnati alla missione muoiono nell’incidente, Webb rimane ferito a una gamba e, per salvarsi da una situazione disperata, Julia dovrà affidare il suo destino all’istinto di sopravvivenza del pericoloso criminale.

Tra i ghiacci della Terra di Baffin, ha inizio una pericolosa missione di salvataggio nell’albo numero 619 della serie mensile di Zagor, “Terranova!”. In uscita giovedì 2 febbraio il volume ha testi di Moreno Burattini, disegni di Roberto Piere e copertina di Alessandro Piccinelli. Zagor e Cico sbarcano a St. John, capitale dell’isola di Terranova. Lì giunti, soccorrono un marinaio allo stremo delle forze, arrivato a chiedere aiuto per il capitano Forman e per i suoi colleghi rimasti intrappolati con la loro nave, la “Freedom”, fra i ghiacci della Terra di Baffin. Organizzare una spedizione di soccorso si rivela impresa difficile perché vi si oppone, subdolamente, l’armatore Lechant, deciso a togliersi dai piedi la concorrenza di Forman e della sua nave. Presto, lo Spirito con la Scure e il suo amico messicano si troveranno a bordo della “Sea Rider” del capitano Howe, coinvolti in un’epica avventura.

Un progetto nazista evoca gli déi del Valhalla e la loro furia come apprenderemo nella lettura dell’albo mensile numero 203 di Dampyr, “La sorgente di vita”, atteso in edicola venerdì 3 febbraio. “Lebensborn”, ossia appunto “Sorgente di vita”, è il nome dato dai nazisti al progetto per creare una super razza ariana, facendo procreare uomini e donne strappati ai loro paesi d’origine che rispondevano ai requisiti del gerarca Himmler. Quattro dei bambini nati da Lebensborn hanno subìto una sorte peggiore: attraverso un rito pagano, sembra che in loro si siano incarnate quattro terribili divinità del Valhalla nordico. Uno di loro è Starkard, l’antico compagno d’armi di Egil-Una-Mano. Lui e la veggente Gudrun chiederanno ad Harlan di sconfiggere il terribile Loki. L’albo ha soggetto e sceneggiatura di Nicola Venanzetti, disegni firmati da Arturo Lozzi e copertina di Enea Riboldi.

Una nuova Detective dell’Impossibile e un impossibile segreto nascosto tra le note aspettano i lettori di Martin Mystère Le Nuove Avventure a Colori, la nuova serie mensile della casa editrice milanese che sabato 4 febbraio porterà in edicola la sua uscita numero 4. “La melodia che uccide” ha testi de I “Mysteriani”, disegni di Rosario Raho, copertina di Lucio Filippucci e colori di Daniele Rudoni. Sfuggito al naufragio dell’Amaterasu, Martin Mystère si reca a Milano per incontrare Valentina Ventura, una spregiudicata blogger ossessionata dai misteri. Soprannominata, dopo l’abbandono di Martin, la nuova Detective dell’Impossibile, Valentina è entrata in possesso di una strofa sconosciuta dell’Inno di Mameli. Tra quelle righe, le prove di una cospirazione su scala mondiale, ordita da un’organizzazione segreta denominata… gli Uomini in Nero.

Sul fronte delle ristampe protagonisti Tex e Dylan Dog. Il primo vedrà martedì 31 gennaio l’uscita della Tex Nuova Ristampa 417. Il quindicinale, intitolato “Cercatori di piste”, racconta di come l’inflessibile severità del maggiore Craig, che aveva persino allontanato dal forte le mogli indiane dei suoi soldati, ha causato una diserzione in massa guidata dal sergente Torrence. Alle calcagna dei militari in fuga l’ufficiale ha messo Mickey Finn, un mezzosangue comanche che odia gli indiani per la durezza dei metodi con cui lo avevano allevato e che Tex salvò quando fuggì, ancora ragazzo, dall’odiato accampamento dov’era cresciuto. Adesso Finn è uno spietato cacciatore d’uomini, alleato di gente sanguinaria come i desperados di Hoss O’Brien. Tex e Tiger Jack devono impedire un massacro. Uscito per la prima volta nel luglio del 1995, l’albo ha soggetto e sceneggiatura di Mauro Boselli, disegni di Carlo Raffaele Marcello e copertina di Claudio Villa.

Un ritorno da Dartmoor, un gioco con in palio la vita e un misterioso assassino sono i protagonisti delle tre storie della Dylan Dog GrandeRistampa 63. Il bimestrale, in uscita sabato 4 febbraio, ha copertina di Corrado Roi e ristampa: “Amori perduti” (Soggetto e sceneggiatura: Giuseppe De Nardo; Disegni: Bruno Brindisi): a volte, il peso della solitudine è tanto insopportabile che dà corpo ai fantasmi della mente. Ma se le donne incontrate da sir Robert Albright, Alan Levin e Joseph Colber poco prima di togliersi la vita non fossero semplici illusioni? È quanto spera Dylan Dog, che ritorna a perdersi negli occhi smeraldini di Lillie Connolly, il suo antico amore creduto morto tra le mura della prigione di Dartmoor; “Il labirinto di Bangor” (Soggetto e sceneggiatura: Claudio Chiaverotti; Disegni: Corrado Roi): che ne direste di una partita a un bel gioco di ruolo, per esempio “Il Labirinto di Bangor”? Prima di rispondere pensateci bene, perché nel mondo di Dylan Dog anche il più innocente dei giochi può spalancare le porte dell’Inferno! Ne sanno qualcosa i cinque giocatori che, nel passato, hanno visitato spesso i magici sotterranei di Bangor e che oggi, troppo cresciuti per sciocchezze del genere, cadono uno a uno sotto i colpi del Principe Skull; “Il prezzo della morte” (Soggetto e sceneggiatura: Paola Barbato; Disegni: Giovanni Freghieri): sei donne scomparse. Sei vite recise da un assassino che sembra conoscere le più riposte sofferenze delle sue vittime, guadagnandosene la fiducia. Sei morti ma nessun cadavere. Se non fosse per i mignoli di mano destra inviati come un macabro messaggio a Scotland Yard, si potrebbe persino credere che nulla sia avvenuto. Il caso è un tipico affare di cronaca nera e Dylan Dog dovrebbe entrarci poco. Ma non è forse nella vita di tutti i giorni che attecchiscono gli incubi più spaventosi?

telegra_promo_mangaforever_2