Con l’inizio della stagione 7 The Walking Dead ha attirato pesanti critiche che hanno portato la AMC a correre ai ripari.

Al debutto televisivo lo scorso 23 ottobre (il 24 in Italia) la settima stagione di The Walking Dead ha aperto le danze con una mazza da baseball avvolta nel filo spinato che metteva fine alle vite di ben due protagonisti per mano di Negan (interpretato da Jeffrey Dean Morgan).

La scena particolarmente truculenta (evidentemente anche per gli standard di un programma dove zombie affamati di carne umana sono all’ordine del giorno) ha risvegliato la sensibilità di alcuni fan (che chiaramente finora non si erano accorti di stare guardando una serie dove i suddetti zombie si mangiano le persone senza badare troppo al galateo) facendo registrare all’emittente AMC diverse reazioni negative da parte del pubblico.

La produttrice esecutiva della serie Gale Anne Hurd ha quindi rivelato che, a causa di queste razioni, il team creativo sta rivalutando il modo in cui descrivere la violenza nei prossimi episodi del programma.

Sempre la Hurd, intervenuta alla National Association of Television Program Executives di Miami, ha dichiarato a tal proposito che:

Abbasseremo i toni [della violenza, NdR] per gli episodi che stiamo ancora girando per la stagione in corso.

La settima stagione di The Walking Dead tornerà sugli schermi televisivi americani il prossimo 12 febbraio e il giorno successivo sul canale satellitare italiano Fox.

Fonte: CBR.

telegra_promo_mangaforever_2